Cerca

Vatican News

Hebdomada Papae: il Gr in latino del 28 dicembre

Le notizie vaticane in lingua latina con traduzione in italiano in onda ogni sabato alle 12.32. In sommario oggi: il Messaggio e l'omelia di Natale del Papa; la speranza del Pontefice e di due leader cristiani di visitare presto il Sud Sudan

“HEBDOMADA PAPAE”

Notitiae vaticanae latine redditae

Die duodetricesimo mensis Decembris anno bis millesimo undevicesimo

 

Ascolta l'edizione del Gr in latino del 28 dicembre

(TITOLI)

Nuntius Papae in Nativitáte Dómini: Christus sit lux pueris víctimis belli.

In homília Missae in Nativitáte Dómini Papa recordátur nos, ne exspectémus Ecclésiam perféctam ad eam amándam.

Papa et duo moderatóres pópuli christiáni sperant brevi témpore Sudániam Austrálem invisére.

Ómnibus vobis audiéntibus salútem imo ex corde dicit Márius Galgano, qui hanc editiónem nuntiórum Latína língua prolatórum confert.

(SERVIZI)

Papa Francíscus in nuntio in Nativitáte Dómini dato, qui antecédit Benedictiónem sollémnem Urbi et Orbi, recordátur lucem Púeri nascéntis maiórem esse quam ténebras in córdibus hóminum et in bellis. Agit Christina Seuss:

Papa a Christo petit, ut lux sit tantis púeris, qui patiúntur in bellis et contentiónibus in Médio Oriénte ac in divérsis Natiónibus mundi necnon solácium pópulis Syriae, Terrae Sanctae, Ucraínae et Reipúblicae democráticae Congénsis, magnis discrimínibus in Líbano et Venetíola, illis qui vexáti sunt fidei causa atque iis, quibus necésse est “migráre in spe vitae securae”. Parvus Puer in Béthlehem, procédit Francíscus, spes sit “cuncto Continénti americáno, ubi váriae Natiónes hodie degunt tempus perturbatiónis políticae et sociális”.      

Occasióne Missae in nocte in Sollemnitáte Nativitátis Dómini in Basílica Vaticána celebrátae, Franciscus recordátur amórem Dómini haud negotiatórium esse. Genus humánum, dicit Papa, nondum solum est, quia Deus homo factus est. Refert nobis Hélena Astorri:

Coram “aménti” caritáte Iesu excusatiónes non exstant: non praestolámur, affírmat Papa, dum próximus noster “probus fiat” ad ei benefaciéndum vel dum Ecclésia perfécta sit ad eam amándam. Sanctus Pater exhortátur nos, ut donum fiámus: ita, éxcitat Papa, nos ipsos commutábimus tantúndem et Ecclésiam. Natívitas Dómini nos recordátur, interpretátus est Póntifex, Deum omnem hóminem amáre, “etiam hunc peiórem”. Francíscus in homília recordátur etiam illum Púerum, de quo Evangélia narrant, in praesépi positum in nocte gélida ac tenebrósa, luce autem divína illumináta, sínere se ab ómnibus, indiscrepánter, bráchiis comprehéndi.  

(NEWS)

Papa Francíscus, Primas Anglicánus et olim Moderátor Ecclésiae presbyteriánae Scótiae núntium coniúnctum misérunt occasióne Nativitátis Dómini et Anni Novi, Prsidi Reipúblicae Sudániae Austrális Kiir ac praeposito advérsae partis Machar. Orémus Christum, scribunt, “ut renovétur munus in itínere pacis” et “fíeri possit visitátio nostra” ad hanc terram diléctam.

Occasióne suéti occúrsus omínibus pro Nativitáte Dómini expriméndis, Francíscus locutus est Cúriae Románae de mutatiónibus institutiónum vaticanárum curréntibus atque expréssit sensum propositáque novórum dicasteriórum. Mutámus, dicit Papa, ad rigóres pavorésque vincéndos et ad mélius Evangélium nuntiándum mundo mínime christiáno núntio viduáto.

Haec ómnia sunt pro hac editióne, conveniémus íterum hebdómada próxima.

 

“HEBDOMADA PAPAE”

Notitiae Vaticanae Latine redditae

28 dicembre 2019

(TITOLI)

Messaggio di Natale del Papa: Cristo sia luce per i bambini vittime dellaguerra

Nel omelia della Messa di Natale il Papa ci ricorda di non aspettarci una Chiesa perfetta per amarla

Il Papa e due leader cristiani sperano di visitare presto il Sudsudan

Un cordiale buongiorno a tutti voi in ascolto da Mario Galgano che conduce questa edizione del notiziario in lingua latina.

(SERVIZI)

Papa Francesco, nel messaggio natalizio che precede la benedizione Urbi et Orbi, ricorda che la luce del Bambino che nasce è più grande delle tenebre nei cuori umani e nei conflitti. Il servizio di Christine Seuss:

Il Papa chiede a Cristo di essere luce per i tanti bambini che patiscono la guerra e i conflitti in Medio Oriente e in vari Paesi del mondo, e conforto per i popoli di Siria, Terra Santa, Ucraina e Repubblica Democratica del Congo, per le crisi in Libano e Venezuela, per chi è perseguitato per la fede e per chi deve “emigrare nella speranza di una vita sicura”. Il piccolo Bambino di Betlemme, prosegue Francesco, sia speranza “per tutto il Continente americano, in cui diverse Nazioni stanno attraversando una stagione di sommovimenti sociali e politici”.

Nella tradizionale Messa in Basilica Vaticana nella notte di Natale, Francesco ricorda che l’amore del Signore non è negoziabile. L’umanità, prosegue, non è più sola perché Dio si è fatto uomo. Ce ne parla Eliana Astorri:

Di fronte all’amore “folle” di Gesù non ci sono scuse: non aspettiamo – afferma il Papa - che il prossimo “diventi bravo” per fargli del bene o che la Chiesa sia perfetta per amarla. Il Santo Padre esorta a diventare un dono: così, esorta, cambieremo noi e la Chiesa. Natale ci ricorda che Dio, spiega il Pontefice, continua ad amare ogni uomo, “anche il peggiore”. Francesco nella sua omelia ricorda anche che quel bambino di cui narrano i Vangeli, adagiato in una greppia, in una notte fredda e buia ma illuminata dalla luce divina, si lascia abbracciare da tutti, senza alcuna differenza.

 (NEWS)

Papa Francesco, il Primate anglicano e l’ex moderatore della Chiesa presbiteriana di Scozia hanno inviato un messaggio congiunto di auguri per il Natale e il nuovo anno al Presidente sud sudanese Kiir e al leader dell’opposizione Machar. Preghiamo Cristo, scrivono “per un rinnovato impegno nel cammino di pace”, affinché “si renda possibile la nostra visita” a questo caro Paese.

Nel tradizionale incontro per gli auguri di Natale Francesco parla alla Curia Romana delle trasformazioni in atto nelle istituzioni vaticane, ribadendo necessità e scopi dei nuovi dicasteri. Cambiamo, dice il Papa, per vincere rigidità e paure e annunciare meglio il Vangelo a un mondo scristianizzato.

È tutto per questa edizione, a risentirci alla prossima settimana.

28 dicembre 2019, 12:40