Cerca

Vatican News

#Sinodo: l'Amazzonia rinasce se si rispetta la sua dignità

Tra gli eventi più significativi della seconda settimana del Sinodo sull'Amazzonia, l'incontro di Papa Francesco con un gruppo di indigeni che seguono questo storico evento che si concluderà il 27 ottobre e che, sperano, salverà la loro terra

Emanuela Campanile - Città del Vaticano

In questa seconda settimana sel Sinodo speciale dedicato alla Regione Panamazzonica, l'incontro di Papa Francesco con un gruppo di indigeni che seguono questo storico evento, dà forma all'alleanza della Chiesa nei confronti dell'intero mondo amazzonico. Si sono riuniti intorno ad un tavolo nel primo pomeriggio di Mercoledì: il Pontefice con loro, tra loro, in un mutevole scambio di sguardi, parole e ascolto. Il grazie degli indigeni, la loro richiesta di aiuto, la vicinanza di Francesco che ribadisce come il Vangelo debba inculturarsi, perché afferma: “I popoli ricevono l’annuncio di Gesù con la loro propria cultura”.

La speranza degli indios

L’incontro tra Francesco e il gruppo di indios, dà forma all’alleanza della Chiesa nei confronti dell’intero mondo amazzonico, e si è svolto durante questa seconda settimana del Sinodo speciale dedicato alla Regione definita “Il Polmone del Mondo”. Il gruppo di indigeni, circa quaranta, seguono questo storico evento che si concluderà il 27 ottobre e che, sperano, salverà la loro dignità e la loro terra.

L'inculturazione

L’inculturazione è uno degli argomenti più rilevanti emersi sia durante i lavori in Aula delle diverse Congregazioni sia nei Circoli Minori, creati proprio per dare a tutti i partecipanti al Sinodo per l’Amazzonia la possibilità di esprimere la propria opinione. Orizzonte condiviso, dunque, quello di consolidare una teologia e una pastorale dal volto indigeno in cui il compito della Chiesa non è decidere per il popolo amazzonico, ma camminare insieme in una prospettiva sinodale di dialogo e ascolto.

Ruolo delle donne, ambiente e formazione culturale

Al centro delle discussioni, anche la protezione dell’Ambiente - nel senso del rifiuto categorico dello sfruttamento irrispettoso del territorio così come delle sue acque -; la necessità e la speranza di un riconoscimento ufficiale al ministero laicale coinvolgendo anche le donne, il cui ruolo, hanno convenuto i padri sinodali, è fondamentale e insostituibile nella cura samaritana, nella custodia e nella tutela della vita. Altro aspetto emerso più volte, poichè particolarmente sentito dalle popolazioni locali, è l’importanza della formazione culturale. Tra le proposte, quella di generare strategie solidali per sostenere economicamente gli Atenei indigeni così da garantire il diritto all’identità culturale salvaguardandone la saggezza ma, sempre, in nome del dialogo e dello scambio reciproco.

19 ottobre 2019, 18:01