Cerca

Vatican News

La FIGC sostiene l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

Oggi a Coverciano la visita di un gruppo di pazienti per il lancio della partnership in occasione dei 150 anni dell’ospedale. Numerose iniziative in programma, compresa una raccolta fondi. Il 12 ottobre la Nazionale si recherà presso la struttura a Roma

Eugenio Bonanata – Città del Vaticano

Fianco al fianco con alcuni calciatori della Nazionale. Un sogno divenuto realtà per i giovani pazienti del Bambino Gesù (OPBG) che oggi hanno avuto la possibilità di trascorrere una giornata densa di emozioni. È successo al Centro Tecnico Federale di Coverciano, dove si è svolta la conferenza stampa di presentazione dell’accordo fra la Federazione Italiana Gioco Calcio (FIGC) e l’ospedale romano nel quadro delle celebrazioni per i suoi 150 anni.

Con Mancini, Chiellini e Bonucci

“Siamo onorati di questa partnership definita in accordo con l’OPBG e la Santa Sede”, ha affermato il Presidente della FIGC, Gabriele Gravina, intervenendo all’appuntamento assieme al Direttore Generale dell’OPBG, Ruggero Parrotto; il CT della Nazionale, Roberto Mancini, accompagnato dai calciatori Giorgio Chiellini e Leonardo Bonucci. Nel panel anche mons. Dario Edoardo Viganò, Assessore del Dicastero per la Comunicazione e Coordinatore degli Eventi per il 150 anni dell’OPBG.

Un ricco calendario

“Il legame che abbiamo costruito – ha spiegato mons. Viganò – si basa su diverse iniziative cominciate nei giorni scorsi con l’udienza concessa da Papa Francesco al presidente della FIGC Gravina e alla sua famiglia. La tappa odierna – ha aggiunto – è stata importante perché ha permesso ai ragazzi di tornare a sognare distraendosi dalla vita in corsia. Ma all’orizzonte c’è un ricco calendario”. Il prossimo 12 ottobre la Nazionale visiterà il Bambino Gesù incontrando i pazienti ospiti nella struttura del Gianicolo. Quel giorno all’Olimpico di Roma ci sarà la gara Italia – Grecia, valida per le qualificazioni a Euro 2020, e tutti i bambini in grado di uscire saranno invitati ad assistere alla partita accompagnati da una rappresentanza del personale medico-ospedaliero.

Il numero solidale 45535

Questa, inoltre, sarà l’occasione per contribuire alla raccolta fondi promossa dal Bambino Gesù, attraverso il numero solidale 45535, a sostegno della realizzazione dell’Istituto dei Tumori e dei Trapianti: una struttura che potrà soddisfare al meglio le necessità di bambini e adolescenti con malattie oncologiche, compresi i trapianti di cellule staminali emopoietiche e di organi. Per questo, la FIGC attiverà un’asta online con alcune maglie autografate degli Azzurri e la donazione di un’esperienza VIP con walkabout in occasione della gara Italia - Grecia allo Stadio Olimpico e integrerà il ricavato con un proprio contributo, coinvolgendo nel progetto anche le componenti federali, i calciatori della Nazionale ed i partner commerciali.

Lo spot video

A Coverciano, infine, è stata presentata la campagna di comunicazione che appoggerà questa iniziativa sotto lo slogan ‘Il futuro è una storia di bambini’, scelto per i 150 anni dell’OPBG. “Si tratta di un breve spot – ha spiegato mons. Viganò - che utilizza il linguaggio del cartoon raccontando di un mostro marino che insinua la serenità di un bambino, poi salvato da un team di medici. Tuttavia – ha aggiunto – il è a una storia vera: quella di Carmelo, 30 anni, che ha sconfitto la malattia e che oggi in qualità di medico aiuta altri ragazzi a fare altrettanto”.

Il gol della guarigione

“Sono particolarmente contenta per la collaborazione”, ha affermato in una nota la presidente del Bambino Gesù, Mariella Enoc, impossibilitata a partecipare alla conferenza stampa a Coverciano per precedenti impegni. “Sono consapevole – si legge - di quanto siano importanti il mondo del calcio e i suoi atleti per i nostri piccoli. Quando uno dei loro beniamini arriva in visita in ospedale i visi dei bambini si illuminano e dimenticano per un attimo malattie e terapie per essere solo dei tifosi sfegatati. Se è vero che la cura è un ‘gioco di squadra’ – ha concluso Enoc - anche il contributo di calciatori, allenatori e dirigenti calcistici può essere determinante per affrontare le malattie e segnare il gol della guarigione”.

Photogallery

I ragazzi dell'ospedale Bambino Gesù a Coverciano per la presentazione dell'accordo con la Figc
03 giugno 2019, 17:59