Cerca

Vatican News
2018.12.05 Udienza Generale 2018.12.05 Udienza Generale  (Vatican Media)

Il grazie del Papa alla Sezione Polacca della Radio Vaticana che compie 80 anni

Nei saluti ai pellegrini polacchi il Papa ha ringraziato i redattori della Sezione Polacca della Radio Vaticana, che in questi giorni festeggia l'80.mo di fondazione

Un saluto particolare, stamani al termine dell’udienza generale, Papa Francesco lo ha rivolto ai redattori della Sezione Polacca della Radio Vaticana, che - ha detto – “in questi giorni festeggia l’80.mo anniversario della fondazione. Vi ringrazio per il vostro servizio al Papa e alla Chiesa”.

“Si vedeva bene il suo apprezzamento del nostro lavoro, è consapevole del servizio che facciamo e ci ha dato la sua benedizione sia per noi redattori sia per i nostri ascoltatori, milioni di polacchi sparsi nel mondo che ogni giorno ascoltano la voce del Papa”, hanno commentato i redattori della Sezione Polacca.

Quella della Sezione Polacca è una storia che inizia il 24 novembre del 1938, prima della II Guerra Mondiale, quando le trasmissioni in lingua polacca diventano regolari. Oggi i programmi della Sezione Polacca vengono ritrasmessi in Polonia da una ventina di radio diocesane, da Radio Maria e dalla Radio nazionale, raggiungendo 2 milioni di ascoltatori. C’è  poi la presenza sul Portale di Vatican News in polacco e sul fronte dei Social Media oggi si contano 7 mila persone al giorno su Facebook, 2.260 persone al giorno su You Tube e circa 12mila persone al giorno su Twitter.

Agli albori della sua vita, il mondo era molto diverso: la Polonia entra nel periodo comunista, manca la libertà di parola e le trasmissioni della Radio Vaticana sono in quell’epoca molto importanti. Seguono gli anni di San Giovanni Paolo II, quando la Sezione Polacca arriva a 4 milioni di ascoltatori. Oggi le forme di comunicazione si sono diversificate così come gli scenari mondiali, ma non quel messaggio evangelico e quel servizio al Papa e alla Chiesa, che la Sezione Polacca, con la gratitudine di Francesco, continua a portare avanti nel mondo insieme ai colleghi di tante altre lingue.

05 dicembre 2018, 12:42