Versione Beta

Cerca

Vatican News
 4ª CONGREGAZIONE GENERALE SINODO DEI VESCOVI 4ª CONGREGAZIONE GENERALE SINODO DEI VESCOVI 

Al Sinodo la voce dei giovani del Sudan

Mons. Kussala, presidente della Conferenza Episcopale del Sudan racconta quello che è nel cuore dei ragazzi del suo Paese: scossi dalle guerre chiedono la pace. Famiglia, morale e sviluppo economico sono il motore dei loro sogni

Federico Piana - Città del Vaticano

Quali sono le istanze, i sogni, le speranze che i giovani del Sudan portano al Sinodo? Prima di rispondere mons. Edward Hiiboro Kussala, vescovo di Tombura-Yambio , presidente della Conferenza episcopale sudanese e padre sinodale, fa una premessa. Assolutamente necessaria se si vuole comprendere lo stato d’animo di ragazzi e ragazze gioiosi per essere stati chiamati da Papa Francesco a condividere un pezzo di cammino della Chiesa universale ma doloranti per le ferite ancora sanguinati causate da violenze delle quali il mondo ignora sistematicamente l’esistenza e i tragici sviluppi. “Da anni siamo sempre in guerra – ricorda con amarezza mons. Kussala-. La maggioranza della popolazione del Sudan e del Sud Sudan è composta da giovani che in tanto tempo non hanno conosciuto che dolore. Ora, proprio loro sperano che questo Sinodo possa aiutarli ad intravedere un futuro di pace: fatto di sviluppo anche economico che non costringa molti di loro a trasformarsi in profughi a rischio della vita”.

Ascolta l'intervista a Edward Kussala

Famiglia, morale e difesa dei valori 

La voce dei giovani sudanesi al Sinodo arriva chiara anche per sostenere e rilanciare i cosiddetti valori tradizionali, a cominciare dalla famiglia e dalla morale. Se nella contemporaneità delle società occidentali questi due elementi hanno perso di importanza e sono scesi nella scala delle priorità, non è cosi per i giovani sudanesi. Mons. Kussala, infatti, spiega che per loro “la famiglia è importantissima perché sanno bene che è da essa che nascono figli ben formati, moralmente e socialmente. Ed è nella famiglia che germogliano le vocazioni, soprattutto quelle religiose e sacerdotali, ma anche buoni leaders”.

Il grido dei giovani per chiedere lavoro e sviluppo

Come per tutti i giovani del mondo, anche per quelli sudanesi la crescita economica e l’aumento dell’occupazione assorbe una buona fetta dei desideri. In Sudan però avere o non avere un lavoro può fare la differenza tra la vita e la morte: al Sinodo se ne discuterà. In Sudan i ragazzi che non hanno un lavoro “finiscono per trasformarsi in guerriglieri”, racconta mons. Kussala: ”Noi cerchiamo di tirare fuori dalla foresta quelli che hanno già aderito a gruppi di ribelli ma è complicato. Non sempre ci si riesce”.

Il rapporto con la Chiesa

Con la Chiesa, i giovani sudanesi hanno un rapporto conflittuale. Mons. Kussala lo riconosce apertamente: “Molti sentono la Chiesa lontana, la vorrebbero più vicina. Vogliono essere coinvolti di più, soprattutto nelle cose importanti. Non vogliono essere spettatori”. E questo al Sinodo, certamente, lo diranno.
 

06 ottobre 2018, 15:06