Versione Beta

Cerca

Vatican News

Torna in Vaticano una lettera di Cristoforo Colombo trafugata

L’Ambasciata degli Stati Uniti presso la Santa Sede restituisce alla Biblioteca Apostolica Vaticana una missiva del navigatore e scopritore delle Americhe, sostituita in un momento non precisato con un falso

Barbara Castelli – Città del Vaticano

Si risolve il “giallo” internazionale sulla lettera di Cristoforo Colombo trafugata in Vaticano. La missiva del navigatore ed esploratore italiano è stata restituita dall’ambasciatore degli Stati Uniti presso la Santa Sede, Callista Gingrich, alla Biblioteca Apostolica Vaticana. Lo scorso 14 giugno, la diplomatica, insieme con i rappresentanti del dipartimento della Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti e delle indagini di sicurezza nazionale, ha consegnato il reperto all’archivista e bibliotecario, mons. Jean-Louis Brugues, e al prefetto, mons. Cesare Pasini.

Un best-seller del 1493

La lettera di Cristoforo Colombo è un resoconto della scoperta dell’America, da lui erroneamente ritenuta “le Indie”, scritta nel 1493 al re Ferdinando e alla regina Isabella di Spagna. Il testo è stato poi tradotto in latino e diverse copie sono state distribuite in tutta Europa. La Biblioteca Apostolica Vaticana ricevette una di queste edizioni nel 1921, come parte della “Collezione De Rossi” di libri e manoscritti rari. Nel documento, di poche pagine, il navigatore genovese descrive gli esseri umani, la fauna e la flora del Nuovo Mondo e di come fosse riuscito a prenderne possesso giungendovi, dopo 33 giorni di navigazione, il 12 ottobre 1492. La scrisse sulla via del ritorno, nel 1493, a bordo della “Nina”. Sbarcato a Lisbona il 4 marzo, fece recapitare il tutto in duplice copia alla corte spagnola. Di quei manoscritti in lingua spagnola non si è conservata traccia, di qui il valore storico e patrimoniale delle stampe in latino. La lettera iniziò a circolare tra i collezionisti in un tempo in cui la stampa iniziava a farsi largo tra le abitudini quotidiane degli europei. Così la missiva, in un primo tempo tenuta segreta, fu stampata e diffusa, permettendo a tutti di venire a conoscenza dell’esistenza di un nuovo continente.

L'intervista con il prefetto, mons. Cesare Pasini

Un nuovo viaggio dagli Stati Uniti

Nel 2011, il Dipartimento statunitense delle indagini di sicurezza nazionale è stato contattato da un esperto di libri e manoscritti, che riteneva che il documento appartenete alla collezione vaticana fosse un falso. Dopo aver informato il Vaticano del possibile furto, i funzionari del Dhs hanno coordinato l’esame della lettera da parte di esperti in materia, tra cui specialisti dell’Università di Princeton. Pur non conoscendo il periodo esatto in cui la lettera è stata trafugata, gli agenti americani hanno rintracciato l’originale, acquistato da Robert Parsons da un commerciante di libri a New York nel 2004, senza sapere che fosse stato prelevato senza autorizzazione dal Vaticano. La vedova di Parsons, Mary, ha accettato poi di rinunciare e abbandonare tutti i diritti, il titolo e l’interesse per la lettera.

Tre lettere tornate a “casa”

Il Dipartimento delle indagini di sicurezza nazionale ha recuperato e restituito tre lettere di Colombo nell’ambito delle indagini sulla vendita illecita di libri e manoscritti rubati. Oltre alla Lettera di Colombo del Vaticano, ha confiscato e restituito missive appartenenti alla Biblioteca Riccardiana di Firenze e alla Biblioteca della Catalogna di Barcellona.

20 giugno 2018, 11:46