Versione Beta

Cerca

Vatican News
Cardinali nella sala del concistoro Cardinali nella sala del concistoro 

I cardinali Parolin, Sandri, Ouellet e Filoni entrano nell'Ordine dei vescovi

Con un Rescritto il Papa ha voluto allargare ai quattro porporati l’attuale composizione dell’Ordine dei vescovi perché il numero dei cardinali che ne facevano parte, era rimasto costante ed invariato nel tempo

I Papi – si legge nel Rescritto, diffuso dalla Sala Stampa della Santa Sede - hanno sempre guardato con occhi di fraterna predilezione al Collegio dei Padri cardinali. Essi, infatti, offrono un peculiare sostegno alla missione del Successore di Pietro, portando il prezioso contributo della loro esperienza e del servizio alle Chiese particolari sparse in tutto il mondo e arricchendo in modo efficace il legame di comunione con la Chiesa di Roma.

In questi ultimi decenni si è registrato un significativo ampliamento del Collegio dei cardinali. Al suo interno, tuttavia, mentre i Membri appartenenti agli Ordini dei Presbiteri e dei Diaconi sono considerevolmente aumentati, il numero di quelli che fanno parte dell’Ordine dei Vescovi è rimasto costante e invariato nel tempo. Pertanto, vedendo la necessità di allargare l’attuale composizione dell’Ordine dei Vescovi, Papa Francesco nell’Udienza concessa il 12 giugno scorso al Sostituto per gli Affari Generali mons. Angelo Becciu, ha deciso di cooptare nell’Ordine dei vescovi, equiparandoli in tutto ai cardinali insigniti del titolo di una Chiesa suburbicaria, in deroga ai canoni 350 §§ 1-2 e 352 §§ 2-3 CIC, i seguenti porporati:

il card. Pietro Parolin,

del Titolo dei Ss. Simone e Giuda Taddeo a Torre Angela, Segretario di Stato;

Sua Eminenza il card. Leonardo Sandri,

del Titolo dei Ss. Biagio e Carlo ai Catinari, Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali;

Sua Eminenza il card. Marc Ouellet,

del Titolo di S. Maria in Traspontina, Prefetto della Congregazione per i Vescovi;

Sua Eminenza il card. Fernando Filoni,

Diacono di Nostra Signora di Coromoto in S. Giovanni di Dio, Prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli.

Il presente Rescritto viene promulgato oggi tramite pubblicazione su «L’Osservatore Romano», ed entra in vigore il 28 giugno 2018, e quindi pubblicato sugli Acta Apostolicae Sedis.

Note storiche

I cardinali sorti dai presbiteri dei 25 titoli o chiese quasi parrocchiali di Roma, dai 7 diaconi regionali e sei diaconi palatini e dai 7 vescovi suburbicari, furono consiglieri e cooperatori del Papa.

Dal 1150 formarono il Collegio cardinalizio con un Decano, che è il vescovo di Ostia, e un Camerlengo quale amministratore dei beni. Dall’anno 1059 sono elettori esclusivi del Papa.

Nel secolo XII incominciarono ad essere nominati cardinali anche prelati residenti fuori di Roma. Precedono dal sec. XII ai vescovi ed arcivescovi, dal sec. XV anche ai patriarchi; hanno, anche se semplici sacerdoti, voto nei concili. Il numero nei secoli XIII-XV, ordinariamente non superiore ai trenta, fu fissato da Sisto V a 70 (1586).

I cardinali appartengono alle varie Congregazioni romane; sono considerati Principi del sangue, col titolo di Eminenza; quelli residenti in Roma, anche fuori della Città del Vaticano, sono a tutti gli effetti cittadini della medesima.

Giovanni XXIII derogò dal numero di cardinali stabilito da Sisto V (Concistoro Segreto del 1958), e stabilì che tutti i cardinali fossero insigniti della dignità episcopale (1962).

Paolo VI determinò il posto dei Patriarchi Orientali nel Collegio cardinalizio (1965), e dispose, con il Motu Proprio Ingravescentem aetatem (21-XI-1970), che con il compimento dell’80 anno di età, i cardinali:

a) cessano di essere Membri dei Dicasteri della Curia Romana e di tutti gli Organismi Permanenti della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano; b) perdono il diritto di eleggere il Romano Pontefice e, quindi, anche il diritto di entrare in Conclave. Infine, Paolo VI stabilì (Concistoro Segreto, 5-XI-1973) che il numero massimo dei cardinali che hanno la facoltà di eleggere il Romano Pontefice fosse fissato in 120. Tale limite è stato confermato anche da Giovanni Paolo II, ma vi ha derogato due volte, portando il Collegio dei cardinali elettori alla cifra di 135. Benedetto XVI ha nuovamente confermato la norma dei 120 attenendovisi, ma ha derogato due volte, portando il Collegio dei cardinali elettori sino a 125.

Papa Francesco, nel Concistoro del 22 febbraio 2014, ha sforato la quota di 120 cardinali portando gli elettori a 122; nel Concistoro del 14 febbraio 2015 i cardinali elettori sono saliti a 125. Nel Concistoro del 19 novembre 2016, con la creazione di 17 nuovi cardinali, il Collegio cardinalizio ha raggiunto il numero di 228 cardinali, di cui 121 elettori. Con il Concistoro del 28 giugno 2017 il numero degli elettori è rimasto invariato.

I cardinali conservano le loro tradizioni e prerogative di essere elettori e consiglieri del Sommo Pontefice nel governo della Chiesa universale. Sono divisi nei tre ordini episcopale, presbiterale e diaconale, e vengono liberamente eletti dal Papa tra i chierici che abbiano ricevuto almeno il presbiterato.

Presiede il Collegio cardinalizio il Decano. I Cardinali prestano collegialmente la loro collaborazione al Supremo Pastore della Chiesa nei concistori ordinari e straordinari; se presiedono dicasteri o istituti della Curia Romana o dello Stato della Città del Vaticano, sono pregati di presentare la loro rinuncia al compimento dei 75 anni di età. In caso di vacanza della Sede Apostolica, i cardinali hanno soltanto le potestà loro attribuite dalle vigenti leggi particolari.

 

 

Totale Cardinali

Elettori

Non elettori

212

114

98

Cardinali

creati da

Giovanni

Paolo II

Benedetto

XVI

Francesco

Totale

Elettori

19

47

48

114

Non elettori

58

28

12

98

TOTALE

     77

75

60

212

CONTINENTI

Paesi

Cardinali

Elettori

Non elettori

AFRICA

22

  25

15

10

AMERICA del Nord

03

  25

17

08

AMERICA Centrale

08

  08

 05

03

AMERICA del Sud

08

  25

 12

13

ASIA

13

  23

 14

09

EUROPA

25

100

 47

53

OCEANIA

04

  06

 04

02

TOTALE

83

212

    114

       98

 

 

 

 

 



 

26 giugno 2018, 13:08