Versione Beta

Cerca

VaticanNews

In Burkina Faso la Chiesa è della famiglia

Alla vigilia dell'incontro del Papa con i vescovi di Burkina Faso e Niger in visita "ad Limina", mons. Laurent. Dabiré parla dei punti di forza e delle problematiche della Chiesa del suo Paese, che punta sulla pastorale familiare mentre dal Sahel arriva l'eco delle violenze jihadiste

Alessandro De Carolis - Città del Vaticano

Sono arrivati a Roma a qualche giorno di distanza dagli ultimi episodi di violenza nella zona desertica del Sahel, teatro da tempo di scontri tra esercito e terroristi islamici. I vescovi del Burkina Faso si apprestano a incontrare Papa Francesco in visita "ad Limina" assieme ai presuli del Niger e nell'episcopato burkinabé serpeggia in modo pacato la preoccupazione per una situazione di insabilità e violenza armata che, come spesso accade, finisce per far pagare il prezzo più duro ai civili.

Lotta per l'acqua

In una terra difficile, dove l'acqua è un bene mille volte più prezioso dell'oro, dove una pompa deve spingersi a decine di metri sotto terra per arrivare a spremere qualche litro, la vita della Chiesa locale si sviluppa soprattutto accanto alle famiglie. Sono loro il nostro obiettivo pastorale primario, spiega a VaticanNews mons. Laurent Dabiré, vescovo di Dori, una diocesi del nord che comprende 5 parrocchie e nel 2013 circa 13 mila battezzati.

Chiesa viva

Siamo una piccola Chiesa viva in un Paese a maggioranza islamica, afferma il presule, che assieme agli altri vescovi lotta per migliorare le condizioni di vita dei burkinabé. La popolazione locale - islamica oltre il 60% (i cattolici sono circa due milioni e mezzo) - oltre alla siccità deve sfidare la penuria di cibo, con due milioni di persone tra le vittime più colpite dalla carestia. Moltyo attiva è la Caritas, che dal 2012 ha avviato un progetto in tre fasi per aiutare migliaia di famiglie, soprattutto bambini, ad avere un futuro oltre lo spettro della malnutrizione.

23 maggio 2018, 18:12