Versione Beta

Cerca

VaticanNews

Notte ai Musei Vaticani con la fanfara dei bersaglieri

L’ apertura serale dei Musei Vaticani è stata inaugurata con un concerto della fanfara dei bersaglieri di Aprilia, che hanno suonato il loro inno attraversando di corsa la gallerie delle statue del Museo Chiaramonti e il Cortile della Pigna. Le Stanze di Raffaello, la Cappella Sistina e gli altri tesori di arte e storia si potranno ammirare dalle 19 alle 23, ogni venerdì fino al 26 ottobre

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

Una notte ai Musei Vaticani accompagnati dalle note squillanti delle trombe della fanfara dei bersaglieri di Aprilia “Adelchi Cotteri”. L’hanno vissuta migliaia di visitatori entusiasti venerdì 20 aprile, primo giorno di apertura notturna delle Collezioni vaticane per questa stagione 2018. I bersaglieri hanno suonato il loro inno attraversando di corsa la gallerie delle statue del Museo Chiaramonti e il Cortile della Pigna, e poi hanno intrattenuto i visitatori con un originalissimo concerto di brani rock e pop. Le Stanze di Raffaello,  la Cappella Sistina e gli altri tesori di arte e storia, illuminati dalla luna che sia affaccia dietro la cupola della Basilica di san Pietro, si potranno ammirare dalle 19 alle 23, ogni venerdì fino al 26 ottobre, con ultimo ingresso alle 21.30.

Un’ occasione unica che permette, ai turisti ma soprattutto ai romani, di visitare i Musei del Papa in un orario inconsueto, lontano dai ritmi vorticosi dei circuiti del turismo di massa. I bellissimi spazi meno affollati, la luce e il silenzio che la notte porta con sé rendono i Notturni ai Musei Vaticani un’esperienza emozionante, uno spettacolo della conoscenza che vale la pena ripetere ogni anno. Per i cittadini di Roma significa anche riappropriarsi dei propri Musei, scrigno di tante opere che esaltano l’identità della Città Eterna.

Protagonista delle aperture notturne sarà anche quest’anno la musica del vivo. Museidisera Arte, Musica è il titolo della rassegna frutto della collaborazione tra i Musei Vaticani e il Comitato Nazionale Italiano Musica (CIDIM). Le visite serali saranno impreziosite da una serie di concerti, dal tango argentino al canto dei cori, dalla tromba di Nello Salsa alla musica bandistica, dalla pizzica salentina fino ai celebri capolavori della musica classica realizzati dalle giovani eccellenze dei maggiori Conservatori italiani. Tutti i concerti inizieranno alle 20 e dureranno un’ora, ospitati nello splendido scenario del Cortile della Pigna e tra le celebri sculture greche e romane esposte all’interno del Museo Gregoriano Profano.

In occasione della aperture serali è obbligatoria la prenotazione online. Per conoscere il programma completo di Museidisera Arte, Musica e per ogni altra informazione, si può consultare il sito ufficiale www.museivaticani.va

24 aprile 2018, 16:10