Cerca

Vatican News

Ricordare i defunti nell'anno della pandemia - Alla Gregoriana un corso sulla teologia alla prova del Covid

"Quest'anno il tragico della morte è diventato un fatto sociale. La morte è entrata nella nostra quotidianità non più solo come un pensiero, ma come una presenza che incombe". Mons. Derio Olivero, vescovo di Pinerolo, sopravvissuto all'infezione di Covid-19 dopo essere stato in punto di morte, riflette sul significato della commemorazione dei defunti nell'anno della pandemia. "Andare in visita ai cimiteri mette alla prova la nostra speranza. Com'è possibile vivere sapendo che dobbiamo morire? Questa domanda deve fare spazio a un'altra ancora più seria: come dobbiamo vivere sapendo che dobbiamo morire? Noi cristiani dobbiamo contagiare fiducia. Da un'emergenza così si esce solo se ispiriamo fiducia". "In questi giorni - conclude mons. Olivero - vedo le foglie gialle che annunciano l'inverno, ma anche i contadini che seminano i campi. Lo sappiamo che verrà l'inverno, eppure noi dobbiamo desiderare la primavera e crederci".

Che relazione c’è tra scienza e fede? L’intera pandemia da Covid-19 è stata interpretata con i soli parametri della scienza, e le decisioni dei governi sono state prese a partire dalle ragioni fornite da comitati tecnico-scientifici. Le ragioni della fede - che per affrontare le grandi epidemie del passato erano state decisive - non hanno avuto rilievo. Proprio con l'obbiettivo di avviare un dialogo franco e libero da pregiudizi tra la scienza e la “scienza della fede”, in questo drammatico momento storico, la Facoltà di Teologia della Pontificia Università Gregoriana fa partire dal 5 novembre il corso La teologia alla prova del covid-19. Dialoghi con la scienza. Dodici lezioni online per affrontare cinque interrogativi attraverso il confronto tra un virologo di fama, il Dr. Ernesto Burgio, e un gruppo di specialisti nelle aree di studio della teologia: la teologia biblica, la teologia dei Padri, la teologia fondamentale, la teologia dogmatica, la teologia morale. "Scienza e teologia scelgono di confrontarsi  - spiega don Dario Vitali, coordinatore del corso e direttore del Dipartimento di Teologia Dogmatica della Gregoriana - sapendo che hanno da imparare dal reciproco ascolto".

Con noi:

S.E. mons. Derio Olivero, Vescovo di Pinerolo

Don Dario Vitali, coordinatore del corso e direttore del Dipartimento di Teologia Dogmatica della Gregoriana

 

Conduce:

Fabio Colagrande

02 novembre 2020