Cerca

Vatican News

Sorgenti di silenzio al "Lay Centre" di Roma - Pandemia in Terra Santa: povertà e solidarietà a Betlemme

Dal 24 luglio e per cinque settimane, il "Lay Centre" di Roma, creato nel 1986 per offrire accoglienza e formazione agli studenti laici delle Università pontificie, propone settimanalmente dei testi di meditazione dedicati al silenzio. "Wellsprings of silence" si intitola la serie nata per favorire la riscoperta della ricchezza del silenzio. "Durante la pandemia - spiega Heather Walker del "Lay Centre" - la nostra città sembrava vuota e silenziosa. Oggi che l'Italia è uscita dal lock-down abbiamo pensato ai nostri studenti che vivono in Paesi ancora in piena pandemia e proposto così dei testi che aiutino, nel silenzio, ad ascoltare la voce di Dio e a trovare risposte".   

In Terra Santa, la seconda ondata di pandemia, cominciata nel maggio scorso, è più violenta della prima per numero di morti e contagi. Il conseguente blocco dei pellegrinaggi nei Luoghi Santi sta creando una situazione economica e sociale gravissima in particolare a Betlemme, in Palestina, dov'è attiva l'Associazione pro Terra Sancta. Qui, negli ultimi anni, la popolazione locale si è guadagnata da vivere quasi esclusivamente con le attività commerciali legate al turismo religioso presso la Basilica della Natività e gli altri luoghi meta di pellegrinaggi. Diverse le iniziative solidali dell'Associazione legata alla Custodia di Terra Santa che con il progetto "La Casa dei Magi" mira, in partcolare, alla formazione professionale delle giovani generazioni.  

Con noi:

Heather Walker, coordinatrice della comunicazione e dei programmi di studio del “Lay Centre” di Roma

Vincenzo Bellomo, responsabile dei progetti di Associazione pro Terra Sancta a Betlemme

 

Conduce:

Fabio Colagrande

 

 

28 luglio 2020