Cerca

Vatican News

Don Patriciello, Terra dei Fuochi: "La visita del Papa del 24 maggio 2020 ad Acerra è solo rinviata". Il governo aumenta gli aiuti per la libertà di educazione - 22.05.2020

Domenica 24 maggio sarebbe stata una giornata speciale per la diocesi di Acerra per la prevista visita di Papa Francesco, in occasione del V anniversario dell’enciclica Laudato si’. Da due anni, infatti, nove diocesi campane, quella di Acerra e le altre circostanti più interessate dal dramma dell’inquinamento nella cosiddetta Terra dei fuochi, stanno facendo un cammino che fa riferimento proprio alla Laudato Si’ mettendo la Chiesa in dialogo con tutte le persone di buona volontà per affrontare insieme la questione dell’ecologia integrale. Per questo era stato organizzato anche un incontro, sempre ad Acerra, il 18 aprile per parlare di ambiente e per rilanciare la Laudato si’. "L’emergenza legata al Covid-19, però, ha bloccato tutto, sottolinea il vescovo di Acerra, mons. Antonio Di Donna.“Appuntamenti solo rinviati a un momento migliore”.  "Nelle zone campane tristemente conosciute per l'emergenza ambientale, la pandemia, afferma don Maurizio Patriciello, ha portato ancora più povertà. L'assenza di lavoro, spesso in nero, genera fame ed è necessario uno sforzo di tutti per assistere i più bisognosi. 

Dopo lo sciopero 'simbolico' delle scuole cattoliche non statali, il Decreto Rilancio del governo italiano aumenta gli stanziamenti in favore della scuola paritaria. Il testo definitivo, ha inserito altri 70 milioni di euro destinati alle scuole paritarie primarie, medie e superiori per gli alunni fino a 16 anni, età a cui è stato portato l’obbligo di istruzione. Uno stanziamento che si aggiunge ai 65 milioni di euro destinati a nidi e scuole dell’infanzia, con altri potenziali 15 milioni, versati nel capitolo di spesa per il sistema scolastico integrato da 0-6 anni, che portano a 150 milioni complessivi (su 1,5 miliardi di euro stanziati per la scuola) i fondi per la scuola paritaria. Un inserimento, quello dei 70 milioni, che "colma un vuoto riscontrato negli interventi precedenti che ignoravano come le scuole paritarie facciano parte del sistema nazionale di istruzione", sottolineano in un comunicato congiunto tutte le sigle della scuola paritaria (Agesc, Cdo Opere educative, Cnos Scuola, Ciofs scuola, Faes, Fidae, Fism e Fondazione Gesuiti educazione, con il sostegno delle presidenze nazionali di Usmi e Cism). Padre Francesco Ciccimarra presidente nazionale dell’Associazione gestori istituti dipendenti dall’autorità ecclesiastica (Agidae), sottolinea inoltre "la necessità di ribadire la centralità del principio costituzionale della libertà di scelta educativa, che comporta l’effettiva equiparazione degli alunni delle scuole paritarie, soprattutto per coloro che si trovano in condizione di disabilità, con tutti gli altri studenti iscritti alla scuola statale".

A Milano, su iniziativa di Caritas Ambriosiana, nasce uno sportello telefonico per aiutare gli anziani soli ad uscire dall’isolamento della quarentena. Il numero di telefono è

02 76037700.

Con noi: 

don Maurizio Patriciello, parroco di San Paolo Apostolo a Caivano (Napoli);  

padre Francesco Ciccimarra, presidente nazionale Associazione gestori Istituti Dipendenti da Autorità ecclesiastica;  

Francesco Chiavarini, Cooperativa Oltre Caritas Ambrosiana;

Conduce: Luca Collodi 

 

22 maggio 2020