Cerca

Vatican News

Bambini schiavi del lavoro: il fenomeno nel mondo e in Italia - prima parte

Cura e conduzione: Paola Simonetti

Ospiti: 
Gianni Rosas, direttore dell’Ufficio OIL per l’Italia e San Marino 
Raffaela Milano, direttrice Programmi Italia Europa di Save the Children  

 

Lavorano nei campi, si spezzano la schiena per fare e trasportare mattoni o consumano le loro giovani vite nei laboratori tessili, reclusi per molte ore al giorno in ambienti pericolosi, angusti, insalubri. Sono 152 milioni i bambini e i ragazzi tra i 5 e i 17 anni che, nel mondo, sarebbero stati coinvolti in varie forme di lavoro minorile. Di questo parliamo a pochi giorni dalla Giornata Mondiale contro il lavoro minorile che si celebra il prossimo 12 giugno. Un fenomeno spaventoso che viola tutte le carte e le convenzioni internazionali in difesa dei fanciulli che spazza via i più basilari diritti umani e civili di un piccolo individuo: diritto al gioco, all’istruzione, a non vivere in povertà, alla spensieratezza, alla tutela della salute e della propria incolumità. Questa piaga non risparmia nemmeno l’Italia non solo per la presenza di bambini immigrati, ma anche per il persistere di condizioni di povertà e marginalità che conducono le famiglie italiane a coinvolgere i minori nelle attività lavorative. Come fronteggiare il fenomeno? 

05 giugno 2019