Cerca

Vatican News

Il virus della fame dilaga. Dal G20 solo risposte deboli.

Gli affamati del pianeta terra aumentano di altri 100 milioni. Nel 2019 si stimava fossero 688 milioni. Sono numeri che rendono completamente irrealistico l'obiettivo "Fame zero" stabilito per il 2030 dall'Agenda per lo sviluppo sostenibile. Le proiezioni della FAO stimano in 840 milioni le persone che nel 2030 ancora verseranno in condizioni di insicurezza alimentare. Una stima, ovviamente, al netto di chi nel frattempo sarà morto. Eppure dai potenti del G20 che a Matera hanno affrontato il tema dello sviluppo ancora una volta non sono arrivate proposte concrete per tentare almeno di invertire questa tendenza. Nessuna indicazione sulle fonti di finanziamento per contrastare la fame - denunciano le organizzazioni della società civile riunite nella piattaforma Civil 20 -, nessun impegno per spezzare il nesso tra guerra e fame, nessun impegno per la cancellazione del debito dei paesi poveri e, in ultimo, nessun impegno per favorire gratuitamente la diffusione massiccia dei vaccini anti Covid a livello globale.

Ospiti della trasmissione:

Francesco Petrelli - policy advisor di Oxfam Italia

Jean-Léonard Touadi - giornalista e consulente FAO

Riccardo Moro - economista e sherpa del C20

Conduce: Stefano Leszczynski

09 luglio 2021