Cerca

Vatican News

Fratelli Tutti, un'enciclica per la pace, l'inclusione sociale, il lavoro

Quanto l’enciclica Fratelli Tutti può favorire una pace a livello globale? E quanto può essere un’ispirazione per tanti politici, economisti, industriali affinché ci sia un lavoro degno per tutti? E cosa succederà in Italia con la fine del blocco dei licenziamenti?

“Quello che possono offrire le religioni è un contributo unico e speciale perché propongono una visione integrata della vita”. È con queste parole che Pietro Sebastiani, ambasciatore d’Italia presso la Santa Sede, ha aperto l’evento di presentazione del Quaderno ASviS sull’enciclica Fratelli tutti alla luce dell’Obiettivo 16 dell’Agenda 2030 dell’Onu, tenutosi il 22 giugno a Roma.

Come dice Papa Francesco, dunque, tutto è interconnesso e non possiamo affrontare il cambiamento climatico, che colpisce in primo luogo le popolazioni che non hanno responsabilità diretta, eludendo altre questioni. Secondo l’enciclica Fratelli tutti, dobbiamo rinegoziare la nostra relazione con la natura lottando contro la cultura dello scarto, dell’indifferenza e dello spreco.

Quella realizzata dal Gruppo di lavoro dell’Alleanza sul Goal 16 agenda 2030 dell’Onu "Pace, giustizia e istituzioni solide",  è una lettura ragionata sulla relazione tra i temi toccati dal Pontefice nella sua ultima enciclica e i dodici enunciati dall’Obiettivo. Nel testo papale risultano infatti centrali i richiami ai diritti della persona, alla tolleranza, alla giustizia, alla concordia, all’equità e all’inclusione sociale, nonché all’esigenza di una maggiore capacità di governance nel contrasto a forme universali di violenza, odio e discriminazioni.

Un'enciclica che ci invita a guardare anche al mondo del lavoro, affinché da questa pandemia si esca con più garanzie per tutti, e in Italia con un nuovo sistena di ammortizzatori sociali.

Con noi:

Il presidente dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile Pierluigi Stefanini

don Bruno Bignami, direttore dell’ufficio nazionale per i problemi sociali e del lavoro della Conferenza episcopale italiana

Il ministro del Lavoro Andrea Orlando

Suor Alessandra Smerilli, sottosegretario Dicastero allo Sviluppo Umano Integrale

Il ministro per le infrastrutture e le mobilità sostenibili Enrico Giovannini

Gaetano Fausto Esposito, direttore dell'Istituto Tagliacarne

 

- Trasmissione di Alessandro Guarasci

25 giugno 2021