Cerca

Vatican News

Mediterraneo: cimitero d'Europa. Così Papa Francesco ricordando i naufragi dei migranti

Un nuovo forte e vibrante appello di Papa Francesco riporta all'ettanzione della società e delle autorità politiche  la tragedia dei numerosi naufragi di migranti che tentano di attraversare il Mediterraneo. Nel dopo Angelus di domenica 13 giugno il Papa ricordando la cerimonia che nel Porto di Augusta commemora la strage avenuta nel 2015 nel Canale di Sicilia lancia il suo monito a ricordare e a pensare: quanta gente ancora oggi perde la vita nella disperata traversata dalle coste nordafricane a quelle europee. Sono 1.500 i cadeveri accertati dal primo gennaio 2021 ad oggi, ma il numero esatto dei migranti affogati non si saprà mai. Infatti, nessuna autorità ha avviato misure per soccorrere e salvare i natanti in difficoltà. Un compito che è stato lasciato alle ONG, o almeno alle poche che ancora possono solcare il mare e non sono costrette nei porti da fermi amministrativi.

Ospiti della trasmissione:

Donatella Parisi - responsabile della comunicazione del Centro Astalli di Roma

padre Bruno Ciceri - direttore internazionale di Stella Maris, presso il Dicastero per lo sviluppo umano integrale

don Giuseppe Mazzotta - cappellano del Porto di Augusta

Enzo Parisi - vicepresidente del Comitato 18 aprile

Conduce: Stefano Leszczynski

14 giugno 2021