Cerca

Vatican News

Chiuso l'anno scolastico. Con la dad perse il 20% delle competenze

Che bilancio trarre dell’anno scolastico appena passato? E soprattutto come sarà il prossimo?  La cosiddetta Dad nell’anno scolastico appena terminato ha infatti riguardato le superiori, le ragazze e i ragazzi hanno seguito le lezioni per 50% da casa e per il 50% a scuola. Una sorte non molte differente è capitata alle medie, tante classi sono state costrette periodicamente alla dad per effetto delle quaranten

Per Andrea Gavosto, direttore della Fondazione Agnelli, “L’Italia è uno dei Paesi che ha avuto le chiusure più lunghe in Europa, si sono perse 37 settimane di scuola a partire da marzo 2020”. Aiutandosi con gli studi in altri Paesi europei, come quello molto approfondito nei Paesi Bassi, che ha certificato “una perdita di circa il 20% delle competenze, un anno perso”, l’economista traccia un bilancio a livello economico. “Ciascun ragazzo rischia di perdere l’equivalente circa 2.000 euro in termini di guadagni da futuri posti di lavoro. Moltiplicati per 6,5 milioni di studenti significano circa il 20% del Pil nazionale”. E grave in Italia è ancora i fenomeno dell’abbandono scolastico, che coinvolge ancora 13 giovani su 100, contro una media di 10. Su questo la Fondazione per la Sussidiarietà ha fatto uno studio.

Con noi a Radio Vaticana (Trasmissione curata da Alessandro Guarasci)

Giorgio Vittadini, presidente della Fondazione per la Sussidiarietà

Mario Rusconi, alla guida dell’associazione presidi nel Lazio

Maddalena Gissi, segretario di Cisl Scuola

Virginia Kaladich, presidente della Fidae

07 giugno 2021