Cerca

Vatican News

Il dovere di salvare e di curare i migranti nel Mediterraneo. Il progetto di ResQ e Medici per i Diritti Umani.

"Il principio che guida i salvataggi dei migranti in mare non è negoziabile", così Gherardo Colombo presidente onorario di ResQ, organizzazione non governativa che si appresta a varare una nave di soccorso da affiancare a quelle delle altre Ong presenti nel Mediterraneo.  La società civile è costretta nuovamente a prendere l'iniziativa di fronte all'inazione delle autorità di governo dei paesi rivieraschi nell'affrontare il dramma dei naufragi di chi fugge dalle coste Nordafricane. A ResQ si affianca l'iniziativa di Medici per i Diritti Umani, che con il suo personale già opera da molti anni nei centri d'accoglienza della Sicilia per curare le ferite visibile e quelle non visibili di chi deve superare il trauma della traversata. "E' neccessario ed importante formare anche il personale delle navi di soccorso ad affrontare nella maniera più corretta i bisogni delle persone che salveranno". Così Alberto Barbieri coordinatore nazionale di MEDU enuncia uno degli obiettivi della collaborazione tra le due organizzazioni.

Ospiti della trasmissione:

Alberto Barbieri - coordinatore nazionale di MEDU, Medici per i Diritti Umani

Gherardo Colombo - presidente onorario di ResQ

Giuseppe Cannella - psichiatra e psicoterapeuta della missione MEDU a Ragusa, in Sicilia

Conduce: Stefano Leszczynski 

28 aprile 2021