Cerca

Vatican News

Ambiente, lavoro, riconciliazione nazionale: le prime sfide dell'amministrazione Biden.

A due giorni dalla cerimonia d'insediamento della nuova amministrazione Biden, il presidente eletto ha reso note alcune delle misure urgenti che adotterà nei primi giorni del suo mandato con una dozzina di decreti. Ambiente, immigrazione, sistema carcerario, sostegno economico alle classi meno abbienti e lotta alla pandemia sono alcuni degli ambiti che concorreranno al rilancio dell'immagine del paese a livello mondiale. Il tutto supportato da un poderoso piano di sostegno al mercato del lavoro e dell'economia interna da 1.900 miliardi di dollari. Certo, su questi piani pesa l'incognita della tenuta sociale del paese, dilaniato da spinte eversive capaci di produrre enormi danni al sistema democratico statunitense come avvenuto il 6 gennaio scorso. Ne abbiamo parlato con Matteo Laruffa, già ricercatore ad Harvard e autore del libro "L'America di Biden" pubblicato in Italia da Rubbettino.

Ce da chiedersi anche quanto la nuova amministrazione USA inciderà a livello internazionale in alcune delle parti più calde del mondo. In Afghanistan la popolazione è stremata da decenni di guerra e le Nazioni Unite stimano che entro quest'anno almeno metà del paese avrà bisogno di assistenza umanitaria per vivere. Una previsione che appare molto realistica anche di fronte all'inconsistenza del processo di riconciliazione nazionale di cui si tenta di discutere in Qatar tra talebani e governo di Kabul. Solo ieri in un agguato sono state assassinate due giudici della Corte Suprema afghana. Duplice il valore simbolico dell'attentato: colpire le istituzioni e colpire il futuro, rappresentato in questo caso da due donne in posizioni di vertice. Ne abbiamo parlato con Barbara Schiavulli, giornalista di guerra e direttrice di Radio Bullets.

Conduce: Stefano Leszczynski

18 gennaio 2021