Cerca

Vatican News

I diritti dei ciclofattorini: nella bufera l'accordo tra AssoDelivery e Ugl - prima parte

Stanno cercando di alzare la voce da qualche anno i riders, lavoratori che in bicicletta fanno consegne a domicilio, per conto di piattaforme on line. Lo fanno sotto la dittatura del tempo governa i loro turni di lavoro e con anche la spada di Damocle di punteggi di merito che arrivano dalle valutazioni degli utenti  sulla qualità del servizio esopressa sulle app. Una tipologia di ingaggio mascherata da attività indipendente, di collaborazione occasionale , che nascondeva, questa la denuncia poi emersa negli anni da parte dei diretti interessati, uno sfruttamento pesante di lavoro a cottimo: cioè più consegne si effettuano, più si viene pagati, peraltro senza tutele di nessun tipo, sulla sicurezza in primis, ma non solo  E sono cominciate campagne, mobilitazioni sui vari territori  per accendere i riflettori su questa condizione lavorativa che ha visto anche incidenti gravi. Una legge è stata poi approvata per regolare questi rapporti di lavoro , in merito si è espressa anche la Cassazione, ma intanto sono cominciate anche mobilitazioni, come campagna nazionale “Diritti per i rider”, ad esempio, che  “Da Milano a Bologna, passando per Firenze, Roma, Napoli e Palermo ha cercato di dare vita all’unione delle esperienze sindacali attive su tutti i territori :  “Siamo tra i pochi rimasti in strada, pagati a cottimo, ricattati dai sistemi di punteggio delle app e arruolati con contratti di collaborazione occasionale o di falso lavoro autonomo, senza applicazione di un contratto collettivo nazionale, nonostante - hanno affermato i diretti interessati - legge e pronunciamento della Cassazione abbiano riconosciuto l’applicazione della disciplina della subordinazione”. Sul fronte sindacale però a far discutere in questi ultimi giorni c'è stato un accordo siglato fra Assodelivery e un solo sindacato l'Ugl, che le altre sigle sindacali giudicano inaccettabile. Nel frattempo sul territorio di Bologna, zone di fermento primario dei diritti di questo settore, è stata lanciata recentissimamente una piattaforma virtuosa: "Consegne Etiche" 

Con noi: 

Gianluca Bianco - Responsabile del  Dipartimento Politiche Contrattuali  CISL

Lorenzo Righi -
Riders Union di Bologna 


Conduce: Paola Simonetti 

23 settembre 2020