Cerca

Vatican News

Giornata mondiale del sonno - Alcol e droghe. Incidenti stradali e giovani

Il 13 marzo ricorre la Giornata Mondiale del Sonno, che si celebra ogni anno il secondo venerdì di marzo). Sono milioni le persone al mondo che soffrono di disturbi del sonno. Una di queste patologie è l’apnea notturna, patologia di cui ci spiega tutto il professor Giulio Gasparini, chirurgo maxillo-facciale, specialista in Disturbi Respiratori Ostruttivi nel Sonno della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli. “L’apnea durante il sonno si manifesta con interruzioni del respiro che si prolungano per più di dieci secondi. Generalmente il paziente non se ne accorge, ma se ne accorge il partner di letto. E’ quando il paziente inizia a russare e russa in maniera sempre più importante fino ad arrestare il proprio respiro. Le apnee del sonno sono dovute a delle ostruzioni, almeno quelle ostruttive periferiche, del passaggio dell’aria lungo il canale delle vie aeree superiori”.

Il chirurgo maxillo-facciale avverte dai rischi che le apnee notturne possono portare: dai colpi di sonno durante la giornata a patologie molto gravi come infarto e ictus. Il consiglio del professor Gasparini, in occasione della Giornata Mondiale dedicata al sonno, è “di dimagrire il più possibile, di mantenere un peso nei limiti della norma. Questo diminuisce del 40% il rischio di avere un’apnea ostruttiva del sonno. Rivolgersi ad un medico esperto in patologie delle apnee del sonno e fare tutti gli esami. L’apnea ostruttiva notturna è un killer silenzioso che mette a serio rischio la nostra vita”.

 

Sul magazine digitale del Bambino Gesù “A scuola di salute” l’attenzione è sulla prevenzione degli incidenti stradali causati da assunzione di alcol e droghe. Fenomeno ormai radicato nelle sue varie forme. Nel 2018, su oltre 58mila incidenti, in oltre 5000 almeno uno dei conducenti aveva bevuto e quasi 2000 si trovava sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Interviste al dott. Roberto Averna, neuropsichiatra dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e a Umberto Guidoni, segretario generale della Fondazione ANIA, Associazione Nazionale Imprese Assicuratrici.

(Eliana Astorri)

12 marzo 2020