Cerca

Vatican News

Prevenzione cancro al seno e visita al Bunker Soratte

Il professore Gianluca Franceschini, chirurgo senologo, responsabile dell'UOS di Terapie Integrate in senologia della Fondazione Policlinico Agostino Gemelli IRCCS, spiega con effettuare la prevenzione del cancro al seno, il tipo di controlli ed esami diagnostici, la loro cadenza secondo l'età della donna e i casi di familiarità. Fondamentale anche l'attenzione allo stile di vita, dalla corretta alimentazione ad un'attività fisica quotidiana. "Il tumore alla mammella - dice il professore - è la neoplasia più frequente nel sesso femminile. Nel 2018 sono stati diagnosticati oltre 50.000 nuovi casi solo in Italia, il che vuol dire una diagnosi ogni 15 minuti. E' un problema di grande rilevanza non solo sanitaria, ma anche sociale". 

Il 19 gennaio alle ore 15.30 il Bunker Soratte (la fortezza voluta da Mussolini, trasformata in rifugio antiatomico, oggi luogo di memoria, di cultura e  di attrattiva dal punto di vista ingegneristico) sarà oggetto di un'apertura straordinaria. "Ho visitato il Bunker lo scorso anno. Sono stato invitato dal gruppo Donne in Movimento, in particolare da Giulia Diamanti che è una delle protagoniste di questo movimento impegnato nella lotta ai tumori del seno, accanto alla Komen Italia che è l'associazione onlus che da anni si occupa di questo. E' un luogo molto affascinante, particolare, che assolutamente deve essere visto perché è una parte della nostra storia. Devo fare un elogio alle Donne in Movimento - prosegue il  chururgo senologo - perché, appunto, dal ricavato di queste visite verrà finanziato un progetto molto interessante. Un ambulatorio (La Sentinella) dedicato alla salute della donna, dove verranno eseguiti visite specialistiche ed esami di prevenzione secondaria per i tumori del seno e ginecologici. Un servizio che sarà di grande aiuto alle donne di Sant'Oreste e tutto il comprensorio.

Per prenotare la visita al Bunker Soratte: francesca.cingolani@gmail com oppure 339.8259969 

Donne in Movimento è su facebook

(Eliana Astorri)

 

 

17 gennaio 2019