Cerca

Vatican News
Intervista del Papa all'agenzia Tèlam con il giornalista Hernán Reyes Alcaide (Foto di Tèlam) Intervista del Papa all'agenzia Tèlam con il giornalista Hernán Reyes Alcaide (Foto di Tèlam) 

Il Papa: il G20 di Roma riconosca le asimmetrie del mondo

Intervista di Francesco all’agenzia di stampa argentina Télam. Tra i temi affrontati le sfide per uscire dalla pandemia e i prossimi viaggi apostolici

Michele Raviart – Città del Vaticano

“Il vertice del G20 a Roma deve seriamente prendere in considerazione il rapporto tra Paesi non sviluppati e sviluppati” e riconoscere le asimmetrie nel mondo, ad esempio nell’accesso alle cure sanitarie, per superare meglio la pandemia. Ad affermarlo è Papa Francesco in un’intervista a Télam, l’agenzia stampa di Stato dell’Argentina. Ad una settimana dal vertice tra i capi di Stato e di governo dei Paesi più ricchi del pianeta l’auspicio del Papa è che l’incontro possa servire “ad abbassare le tensioni a livello globale”, di fronte a “escalation di violenza che provocano solo più violenza”.

“La partita si gioca ora”

Questo, inoltre, è il momento di passare dalle parole ai fatti. “La partita si gioca ora”, ribadisce il Papa, sottolineando ancora come dalla pandemia si può uscire solamente tutti insieme.“Bisogna”, perciò “dare un nome e cognome alle difficoltà” che deve affrontare l’umanità nel periodo post-pandemico. Un principio che vale anche per le sfide poste della Cop26 sul clima di Glasgow, che si svolgerà invece dal primo al 12 novembre.

I prossimi viaggi

Francesco si sofferma poi sui viaggi apostolici che intende effettuare in futuro, a partire da quello a dicembre in Grecia e a Cipro. “Al momento ho in mente due viaggi che non ho ancora messo in moto, che sono in Congo e in Ungheria”, mentre “devo ancora pagare il conto arretrato per il viaggio in Papua Nuova Guinea e Timor Est”, rimandati per la pandemia. “Ho sempre pensato che si vede il mondo più chiaramente dalla periferia, e in questi ultimi sette anni da Papa l’ho visto con i miei occhi”.

Il ringraziamento a Leo Messi

In chiusura poi il Papa ha ringraziato la stella argentina di calcio Lionel Messi, giocatore del Paris Saint-Germain, per la maglia ricevuta in occasione della visita del premier francese Jean Castex, ringraziandolo per la sua semplicità e per la dedica. "Grazie per la vicinanza, per la testimonianza e per non esserti montato la testa", ha affermato Francesco, che ha aggiunto: “Dio ti benedica e conta sempre su di me”

 

22 ottobre 2021, 17:05