Cerca

Vatican News

Francesco, inquinare il mondo con la lamentela non è cristiano

All'Angelus dell'ultima domenica di agosto, il Papa ci ricorda che "passare il tempo a incolpare gli altri è perdere tempo. Si diventa arrabbiati, acidi e si tiene Dio lontano dal cuore". Una modalità che inquina il mondo. Dopo la preghiera mariana, il forte invito al digiuno e alla preghiera per la situazione in Afghanistan. La preoccupazioni per il Venezuela colpito dalle inondazioni. Infine, un pensiero al movimento Laudato Si

Emanuela Campanile - Città del Vaticano

Porre in secondo piano "il cuore della fede" è il pericolo da cui Francesco ci mette in guardia. L'episodio e le parole di Gesù riportate nel Vangelo della Liturgia odierna, spiega all'Angelus il Papa, possono sembrare rivoluzionare anche all'uomo di oggi. Ci sono i farisei e gli scribi, racconta l'evangelista Marco, che sono scandalizzati dal fatto che i discepoli di Cristo non eseguono le tradizionali abluzioni rituali prima di avvicinarsi alla mensa. Un atteggiamento incomprensibile perchè contrario alla pratica religiosa del tempo e che, dice il Papa, potrebbe interrogarci. "Ma Gesù non vuole esteriorità":

Anche noi potremmo chiederci: ma perché Gesù e i suoi discepoli trascurano queste tradizioni? In fondo non sono cose cattive, ma sono buone abitudini rituali, semplici lavaggi prima di prendere cibo. Ma perché Gesù non ci bada? Perché per Lui è importante riportare la fede al suo centro (...) Ed evitare un rischio, che vale per quegli scribi come per noi: osservare formalità esterne mettendo in secondo piano il cuore della fede.  Anche noi tante volte ci trucchiamo l'anima. È il rischio di una religiosità dell’apparenza: apparire per bene fuori, trascurando di purificare il cuore. C’è sempre la tentazione di “sistemare Dio” con qualche devozione esteriore, ma Gesù non si accontenta di questo culto. Gesù non vuole esteriorità, vuole una fede che arrivi al cuore. 

La prospettiva ribaltata

Francesco prosegue la catechesi seguendo il racconto di Marco che cita la frase di Gesù, "Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro". Invece, è "dal di dentro, dal cuore" che nascono le cose cattive:

Queste parole sono rivoluzionarie, perché nella mentalità di allora si pensava che certi cibi o contatti esterni rendessero impuri. Gesù ribalta la prospettiva: non fa male quello che viene da fuori, ma quello che nasce da dentro. 

Incolpare gli altri è perdere tempo

Banco di prova della concretezza dell'insegnamento evangelico è la vita e il parlare quotidiano. Per questo, ancora una volta Francesco ci invita a guardarci attraverso lo specchio delle nostre azioni:

Quante volte incolpiamo gli altri, la società, il mondo, per tutto quello che ci accade! È sempre colpa degli altri della gente, di chi governa, della sfortuna. Sembra che i problemi arrivino sempre da fuori. E passiamo il tempo a distribuire colpe; ma passare il tempo a incolpare gli altri è perdere tempo. Si diventa arrabbiati, acidi e si tiene Dio lontano dal cuore. (...) Non si può essere veramente religiosi nella lamentela. La lamentela avvelena, ti porta alla: rabbia, al risentimento e alla  tristezza, quella del cuore che chiude le porte a Dio.

 

L'invito del Papa è dunque quello di domandare la grazia di non inquinare il mondo con la lamentele "perchè non è cristiano". Imparare come facevano i Padri della Chiesa ad accusare se stessi piuttosto che gli altri è una via da imparare a percorrere per il bene nostro e dei nostri fratelli.

L'appello alla preghiera e al digiuno per l'Afghanistan

Al termine della Preghiera mariana, Francesco rivolge il suo pensiero alla situazione in Afghanistan, a coloro che cercano aiuto e protezione, soprattutto donne e bambini. Il ringraziamento anche per chi porta aiuto a questa popolazione. "Non possiamo rimanere indifferenti", quindi il forte appello alla preghiera e al digiuno. Il Papa dedica poi parole  al Venezuela colpito dalle inondazioni e all'impegno del Movimento Laudato Si  in vista della giornata di preghiera per la cura del creato del prossimo primo settembre.

29 agosto 2021, 12:21

L’Angelus è una preghiera recitata in ricordo del Mistero perenne dell’Incarnazione tre volte al giorno: alle 6 della mattina, a mezzogiorno e alla sera verso le 18, momento nel quale viene suonata la campana dell’Angelus. Il nome Angelus deriva dal primo versetto della preghiera – Angelus Domini nuntiavit Mariae – che consiste nella lettura breve di tre semplici testi che vertono sull’Incarnazione di Gesù Cristo e la recita di tre Ave Maria. Questa preghiera è recitata dal Papa a Piazza San Pietro a mezzogiorno la domenica e nelle Solennità. Prima della recita dell’Angelus, il Pontefice tiene anche un breve discorso prendendo spunto dalle Letture del giorno. Seguono i saluti ai pellegrini.
Dalla Pasqua fino a Pentecoste, al posto dell’Angelus viene recitato il Regina Coeli, che è una preghiera in ricordo della Risurrezione di Gesù Cristo, al termine della quale viene recitato il Gloria per tre volte.

Ultimi Angelus / Regina Coeli

Leggi Tutto >