Cerca

Vatican News

Francesco: ai bambini malati far sentire la carezza di Dio

Nella Giornata mondiale delle malattie rare, il Papa al termine dell’Angelus rivolge il suo pensiero ai malati, specialmente i più piccoli. Invita a creare una rete di solidarietà

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

E’ un pensiero lungo, profondo, pieno di calore quello che Francesco, al termine dell'Angelus, rivolge a chi soffre di malattie rare. Proprio nella Giornata a loro dedicata, sottolinea l’importanza della solidarietà tra chi vive la stessa patologia. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Nel caso delle malattie rare, è più che mai importante la rete di solidarietà tra i familiari, favorita da questa associazione. Essa aiuta a non sentirsi soli e a scambiarsi esperienze e consigli.

La cura della preghiera

“Incoraggio le iniziative che sostengono la ricerca e la cura ed esprimo – sottolinea il Papa - la mia vicinanza ai malati, alle famiglie ma specialmente ai bambini”, piccoli che nella preghiera possono sentire la tenerezza di Gesù:

Stare vicino ai bambini malati, i bambini che soffrono, pregare per loro, fare sentire loro la carezza dell’amore di Dio, la tenerezza … Curare i bambini con la preghiera, pure, quando ci sono queste malattie che non si sa cosa siano o c’è un pronostico un po’ brutto. Preghiamo per tutte le persone che hanno queste malattie rare, specialmente preghiamo per i bambini che soffrono.

28 febbraio 2021, 12:41