Cerca

Vatican News

Il Papa: siamo tutti chiamati alla Santità, modello di vita controcorrente

E' la Solennità di Tutti i Santi e il Papa all'Angelus invita a riflettere sulla loro testimonianza che per noi è fonte di speranza nella risurrezione e modello di un cammino, fondato sulle Beatitudini, che possiamo percorrere tutti in modo unico e irripetibile con la mitezza di cui il mondo oggi ha tanto bisogno

Gabriella Ceraso - CIttà del Vaticano

Oggi la Chiesa celebra la solenne festa di Tutti i Santi, quelli proclamati nel corso della storia ma anche i tanti che hanno vissuto nella quotidianità una vita cristiana semplice e nascosta ma piena di fede e di amore a Dio e al prossimo. I Santi che, ha detto più volte Francesco, sono “veramente felici” perché hanno scoperto il segreto della felicità autentica”, i Santi che, afferma oggi nella riflessione che precede la recita dell’Angelus, sono “i testimoni più autorevoli della speranza cristiana perché l’hanno vissuta in pienezza nella loro esistenza, tra gioie e sofferenze, attuando le Beatitudini”."Cristo è risorto e anche noi saremo con Lui, saremo con Lui".

Beatitudini “via della santità”

Sono infatti le Beatitudini, che Gesù ha predicato e che oggi risuonano nella Liturgia (cfr Mt 5,1-12a),la “ via della santità” o, come altre volte ha detto Francesco, “la carta d’identità del cristiano”, che ne fa un seguace di Gesù. E oggi il Papa sceglie di riflettere sulla seconda e la terza di queste strade che possono farci beati, felici, cioè Santi. Entrambe, dice Francesco, “cominciano quaggiù e si compiranno in Cristo”.

 «Beati quelli che sono nel pianto, perché saranno consolati»

Sembrano parole contraddittorie, perché il pianto non è segno di gioia e felicità. Motivi di pianto e di sofferenza sono la morte, la malattia, le avversità morali, il peccato e gli errori: semplicemente la vita di ogni giorno, fragile, debole e segnata da difficoltà. Una vita a volte ferita e provata da ingratitudini e incomprensioni.

Eppure Gesù proclama beati proprio coloro che piangono perché, spiega il Papa, “nonostante tutto confidano nel Signore e si pongono sotto la sua ombra”:

Non sono indifferenti, e nemmeno induriscono il cuore nel dolore, ma sperano con pazienza nella consolazione di Dio. E questa consolazione la sperimentano già in questa vita.

«Beati i miti, perché avranno in eredità la terra»

La terza Beatitudine esalta invece la mitezza che è “la caratteristica di Gesù”, un modo di essere e di vivere dunque che ci avvicina a Lui e crea unità, non dominio e sopraffazione, come spiega il Papa descrivendo queste persone che il mondo non apprezza, ma alle quali Dio dono la vita eterna:

Miti sono coloro che sanno dominare sé stessi, che lasciano spazio all’altro, lo ascoltano e lo rispettano nel suo modo di vivere, nei suoi bisogni e nelle sue richieste. Non intendono sopraffarlo né sminuirlo, non vogliono sovrastare e dominare su tutto, né imporre le proprie idee e i propri interessi a danno degli altri. Queste persone, che la mentalità mondana non apprezza, sono invece preziose agli occhi di Dio, il quale dà loro in eredità la terra promessa, cioè la vita eterna.

Ascoltare e non aggredire

Nella vita di oggi a livello mondiale, aggiunge il Papa parlando a braccio, "c’è tanta aggressività e anche nella vita di ogni giorno, la prima cosa che esce da noi è l’aggressione, la difesa":

Abbiamo bisogno di mitezza per andare avanti nel cammino della santità. Ascoltare, rispettare, non aggredire: mitezza.

Con la mitezza andremo alla santità

Cosa trarre dunque da queste Beatitudini, da questa “strada evangelica percorsa da Santi e Beati? Innanzitutto che è “controcorrente rispetto alla mentalità di questo mondo” e poi che siamo chiamati tutti a percorrerla in modo personale:

La solennità di oggi, che celebra Tutti i Santi, ci ricorda la personale e universale vocazione alla santità, e ci propone i modelli sicuri per questo cammino, che ciascuno percorre in maniera unica, in maniera irripetibile. Basta pensare all’inesauribile varietà di doni e di storie concrete che c’è tra i santi e le sante: non sono uguali, ognuno ha la propria personalità e ha sviluppato la sua vita nella santità secondo la propria personalità e ognuno di noi può farlo, andare su quella strada: mitezza, mitezza per favore e andremo alla santità.

"Mitezza per favore e andremo alla santità!", ripete dunque il Papa prima di affidare tutti a Maria affinchè, in quanto Madre, possa aiutarci ad “alimentare il desiderio di santità, camminando sulla via delle Beatitudini”.

01 novembre 2020, 12:20