Cerca

Vatican News
Campagna di fraternità quaresima 2020 Brasile CAMPANHA DA FRATERNIDADE 2020 Campagna di fraternità Quaresima 2020 Brasile CAMPANHA DA FRATERNIDADE 2020 

Campagna di Fraternità, il Papa: la Chiesa sia samaritana

La chiamata alla compassione verso i più deboli è quella che il Papa rivolge nel Messaggio per la Campagna della Fraternità della Chiesa brasiliana. Forte, quindi, l'esortazione a vivere la Quaresima rafforzando il valore della vita come dono e impegno

Debora Donnini – Città del Vaticano

Per superare “la globalizzazione dell’indifferenza”, bisogna essere disposti a imitare il Buon Samaritano. Questo significa, concretamente, aprire il cuore per “far risuonare in noi il grido dei nostri fratelli bisognosi”, di fronte alle tante sofferenze che crescono ovunque. È la via che il Papa indica nel Messaggio ai fedeli brasiliani per l’inizio della Campagna di Fraternità, che da più di 50 anni la Chiesa organizza nel Paese sudamericano, durante il periodo quaresimale, e che prende il via il Mercoledì delle Ceneri.

Vedere, provare compassione e prendersi cura

Al centro, l’importanza di non separare la conversione dal servizio ai fratelli. Il Papa si rallegra per questa iniziativa che quest’anno pone al centro dell’attenzione il valore della vita e la responsabilità di prendersene cura. “Fraternità e vita: dono e impegno” è, infatti, il tema scelto dalla Conferenza episcopale brasiliana per vivere la Quaresima alla luce di tre atteggiamenti fondamentali: vedere, provare compassione e prendersi cura, seguendo, appunto, l’attitudine del Buon Samaritano. Un'attenzione che il Papa sottolinea auspicando che la Quaresima e la Campagna di Fraternità, inseparabilmente vissute, siano per tutto il Brasile “un tempo in cui si rafforza il valore della vita, come dono e impegno". La vita è un dono d’amore di Dio, “di cui dobbiamo continuamente prenderci cura”, sottolinea ancora.

Il modello di suor Dulce dei Poveri

I gemiti di “sorella terra” e “degli abbandonati del mondo” reclamano, infatti, un’altra rotta, dice il Papa riprendendo la Laudato si’. “Siamo chiamati ad essere una Chiesa samaritana” sintetizza con chiarezza, riprendendo il documento che scaturì al termine della Conferenza generale dell’episcopato latinoamericano e dei Caraibi, tenutasi ad Aparecida nel maggio 2007. La Quaresima si configura, quindi, come tempo propizio per rafforzare la compassione che si concretizza nella solidarietà, nella cura. Il modello che il Papa e i vescovi brasiliani indicano è quello di San Dulce dei Poveri, la suora brasiliana che dedicò la sua vita alla cura dei poveri e delle persone ai margini della società e che lo stesso Francesco ha canonizzato lo scorso ottobre.

26 febbraio 2020, 12:00