Cerca

Vatican News

La preghiera e la solidarietà del Papa a un anno dalla tragedia di Brumadinho

Papa Francesco ricorda il disastro ambientale accaduto un anno fa a Brumadinho, nel sud est del Brasile, esprimendo in un videomessaggio la sua vicinanza ai famigliari delle vittime e a tutta la comunità e alla Chiesa locale

Adriana Masotti - Città del Vaticano

A un anno dalla tragedia di Brumadinho, il Papa desidera far arrivare alle vittime e all’intera comunità locale, la sua solidarietà e il suo sostegno.

Il grave disastro ambientale è avvenuto nel pomeriggio del 25 gennaio 2019 a seguito del cedimento di un bacino di decantazione di una miniera di ferro presso il villaggio di Córrego do Feijão, a Brumadinho, città dello stato brasiliano di Minas Gerais. 

Il crollo della diga contenente 13 milioni di metri cubi di scorie minerarie, tra cui metalli tossici come il mercurio, ha provocato la morte di 272 persone tra i lavoratori della miniera, di proprietà della compagnia Vale, e i loro famigliari. La colata di fango e detriti si è riversata anche sul corso d'acqua che percorre il territorio causando un gravissimo disastro ambientale.

La vicinanza di Papa Francesco 

Nel videomessaggio la solidarietà del Papa, e l'auspicio in una azione di riparazione e protezione della nostra terra. Ecco le sue parole:

In questo primo anniversario della tragedia di Brumadinho, preghiamo per i 272 fratelli e sorelle che sono rimasti sepolti. E ci rammarichiamo per la contaminazione dell'intero bacino del fiume. Offriamo la nostra solidarietà alle famiglie delle vittime, sostegno all'Arcidiocesi e a tutte le persone che stanno soffrendo e che hanno bisogno del nostro aiuto. Tramite l'intercessione di San Paolo, possa Dio aiutarci a riparare e a proteggere la nostra casa comune.

25 gennaio 2020, 11:20