Cerca

Vatican News
Il cardinale Prosper Stanley Grech Il cardinale Prosper Stanley Grech  (@VaticanMedia)

Il cordoglio del Papa per la morte del cardinale Grech. Oggi le esequie

Il cordoglio, la preghiera e la benedizione di Francesco si estendono, in un telegramma, a tutti coloro che piangono la scomparsa del cardinale Prosper Grech nato nell'isola di Malta, il 24 dicembre 1925 e entrato nell'ordine agostiniano nel 1943. Il porporato è deceduto lunedì scorso. Le esequie saranno celebrate questa mattina nella Basilica di San Pietro

Gabriella Ceraso - Città del Vaticano

Testimone di vita cristiana e formatore. Così Papa Francesco ricorda il cardinale Prosper Grech, agostiniano, teologo, docente emerito di varie università romane e consultore della Congregazione per la dottrina della fede, deceduto ieri a Roma all'età di 94 anni. 

Nel telegramma di cordoglio indirizzato al priore generale, padre Alejandro Moral Anton, a tutto l'Ordine agostiniano - di cui il cardinale era entrato a far parte nel 1943 - e ai familiari, il Papa rimarca la "grande stima" sempre nutrita nei confronti del cardinale Grech per la sua "testimonianza cristiana e consacrata" e per l' "esemplare servizio alla formazione delle nuove generazioni, specialmente dei sacerdoti". Francesco ricorda anche il "lungo e competente servizio" svolto dal porporato di origine maltese, come docente in varie università romane e internazionali e poi presso la Santa Sede, in particolare a partire dagli anni ottanta alla Congregazione per la Dottrina della Fede, alla Pontificia Accademia teologica e alla Pontificia Commissione Biblica.

Infine la benedizione a quanti piangono la scomparsa del cardinale Grech è accompagnata dalla preghiera di suffragio innalzata dal Pontefice "affinchè il Signore - scrive -  accolga la sua anima nel Regno eterno della luce e della pace".

Le esequie avranno luogo questa mattina alle ore 11.30, all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana. A celebrare l'Eucarestia, il cardinale Giovanni Battista Re, vice decano del Collegio Cardinalizio. Al termine il Papa presiederà il rito dell’Ultima Commendatio e della Valedictio.

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 2 GENNAIO 2020

31 dicembre 2019, 12:45