Cerca

Vatican News

Il Papa a Santa Marta: l'invidia del diavolo semina l'odio nei nostri cuori

Papa Francesco, nell’omelia della Messa a Casa Santa Marta, sottolinea che per l’invidia di Gesù che si è fatto uomo, il grande bugiardo ci tenta per distruggere l’umanità. La Parola di Dio è chiara: il diavolo esiste

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

Il diavolo c’è, ed è invidioso di Cristo, Dio che si è fatto uomo, e per questo, attraverso la tentazione, semina l’odio nel mondo, che provoca morte. Papa Francesco lo ribadisce nell’omelia della Messa del mattino a Casa Santa Marta, che dedica al brano del Libro della Sapienza proposto dalla liturgia nella Prima lettura. Il Papa spiega che “quell’angelo superbo che non ha voluto accettare l’incarnazione” per “distruggere l’umanità”, mette nel nostro cuore “gelosia, invidia e concorrenza” mentre invece “potremmo vivere come fratelli, tutti, in pace”.

Dietro questo c’è qualcuno che ci muove a fare queste cose. E’ quello che noi diciamo la tentazione. Quando noi andiamo a confessarci, diciamo al padre: “Padre, io ho avuto questa tentazione, quest’altra, quell’altra...”. Qualcuno che ti tocca il cuore per farti andare sulla strada sbagliata. Qualcuno che semina la distruzione nel nostro cuore, che semina l’odio. E oggi dobbiamo dirlo chiaramente, ci sono tanti seminatori di odio nel mondo, che distruggono.

Vorrei che oggi ognuno di noi pensasse questo: perché oggi nel mondo si semina tanto odio? Nelle famiglie, che a volte non possono riconciliarsi, nel quartiere, nel posto di lavoro, nella politica... Il seminatore dell’odio è questo. Per l’invidia del diavolo la morte è entrata nel mondo, alcuni dicono: ma padre il diavolo non esiste, è il male, un male così etereo... Ma la Parola di Dio è chiara. E il diavolo se l’è presa con Gesù, leggete il Vangelo: che abbiamo fede o che non ne abbiamo, è chiara.

12 novembre 2019, 11:04