Cerca

Vatican News

Creato in Cile il Centro "Cuida" per prevenire gli abusi. Videomessaggio del Papa

In Cile la cerimonia di inaugurazione di Cuida, un Centro per la prevenzione degli abusi, si è aperta con il videomessaggio di Papa Francesco che ha ringraziato le istituzioni promotrici di questo progetto: l’Università Cattolica del Cile e la “Fundación para la Confianza”

Amedeo Lomonaco – Città del Vaticano

Oggi prende forma una Fondazione che non solo si occupa dei vari problemi, della prevenzione e dell'abuso, ma anche della ricerca di politiche per salvare sempre più minori da tutto ciò che è manipolazione e in qualche modo distrugge il loro cuore. È quanto afferma Papa Francesco in un videomessaggio inviato all'Università Cattolica del Cile e alla “Fundación para la Confianza” che hanno siglato un'alleanza per la creazione del centro Centro “Cuida”. Con tutte le scienze ausiliarie che utilizzerete, aggiunge il Pontefice, prendetevi cura dei bambini.

Università cattolica del Cile e Fundación para la Confianza

Durante la cerimonia di inaugurazione del Centro Cuida, il rettore dell’Università cattolica, Ignacio Sánchez, ha indicato una priorità: contribuire ad una politica pubblica che permetta di costruire una società più rispettosa e protettiva nei confronti dei bambini e degli adolescenti. La “Fundación para la Confianza” è stata fondata nel 2010 da vittime di abusi compiuti dall’ex sacerdote Fernando Karadima. Tra queste, James Hamilton, Juan Carlos Cruz e José Andrés Murillo, che nel mese di maggio del 2018 hanno incontrato Papa Francesco in Vaticano. La missione di Fundación para la Confianza è di lottare contro gli abusi su minori e accompagnare e orientare quanti sono stati vittime di questi delitti.

Fondazione Cuida

Il centro Cuida è uno spazio accademico e di ricerca per rispondere all'urgente necessità di progredire come società nella prevenzione delle esperienze avverse in giovane età. Il suo scopo è quello di raccogliere prove scientifiche, promuovere politiche pubbliche e sviluppare strumenti di prevenzione e azione. È composto da accademici e professionisti di diverse aree e si propone come spazio interdisciplinare per lo studio in particolare degli abusi sessuali su minori.

15 agosto 2019, 11:41