Cerca

Vatican News
Moschea di Abu Dabhi Moschea di Abu Dabhi  (AFP or licensors)

Conferenza Globale sulla Fraternità: no ad odio ed estremismo

È iniziata ieri la Conferenza internazionale sulla fratellanza promossa dal Consiglio dei saggi musulmani, presieduto dallo shaykh di al-Azhar, Ahmad al-Tayyeb, e fondato ad Abu Dhabi nel 2014. I primi interventi di ieri

Prima dell’arrivo di Papa Francesco, si sono già riuniti fin da ieri 500 leader religiosi da tutto il mondo che hanno discusso in 21 workshop con 60 relatori, di cui 30 musulmani e 30 in maggioranza di Chiese cristiane. La Conferenza si concentra su tre temi: "I principi della fraternità umana"; "Responsabilità comune per raggiungere la fraternità umana"; "Fraternità umana: sfide e opportunità".

Ministro degli Esteri degli Emirati: l’estremismo vìola l’idea di fraternità umana

"In quanto evento multiculturale che incoraggia la compassione, il rispetto e la comprensione tra diverse comunità, culture e religioni, il raduno intende contrastare l'estremismo, il pregiudizio, l'odio, l'aggressività, l'avidità e l'oppressione che violano l'idea stessa di fraternità umana". è un passaggio del discorso dello Sheikh Nahyan bin Mubarak Al Nahyan, Ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti, pronunciato in apertura della Conferenza Globale sulla fraternità umana, convocata il 3 e 4 febbraio ad Abu Dhabi sotto il patronato dello Sheikh Mohammed bin Zayed Al Nahyan, evento che ospita il Grande Imam di Al Azhar, Ahmed El-Tayeb e Papa Francesco, oltre a numerose personalità religiose da tutto il mondo. Il ministro ha osservato: "La Conferenza offre la rara opportunità di liberare il potere della saggezza e della ragione, e di apprendere dalle idee proposte dalle personalità presenti", esprimendo l'impegno della sua nazione per la tolleranza e per promuovere la pacifica coesistenza tra diverse comunità in tutto il mondo.

Impagliazzo, Sant'Egidio: missione delle religioni è far conoscere l’amore

Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio, intervenendo in Assemblea, ha rimarcato: "Missione delle religioni è far conoscere l’amore che irradia luce e vita, che fa recuperare la voglia di pace, di ospitalità, di bene. Ci sono energie umane e spirituali per un mondo migliore. Per vincere la guerra. Per realizzare un mondo più fraterno. Per far crescere l’amicizia. Le religioni lo ricordano a un’umanità smemorata e spaventata. E, con tutti gli uomini e le donne di buona volontà, testimoniano che la pace è sempre possibile. Bisogna cercarla senza paura. Dio non abbandona il mondo al male e alla logica della violenza, ma viene in soccorso alla nostra preghiera e moltiplica i nostri sforzi di pace".

Segretario Generale della Lega Araba esalta il valore della tolleranza

Ahmed Aboul Gheit, Segretario Generale della Lega Araba, ha dichiarato: "La Conferenza globale sulla fraternità umana celebra l'essenza dell'umanità e della diversità. Oggi non esiste un valore più importante della tolleranza, poiché settarismo e razzismo sollevano la testa in tutto il mondo. La coesione raggiunta nella nostra società è stata possibile perché le persone hanno accettato le reciproche differenze". E ha inoltre affermato: "Chiedo che il concetto di tolleranza sia incluso nei programmi scolastici per aiutare le nuove generazioni". 


 

04 febbraio 2019, 14:36