Cerca

Vatican News

Papa a Santa Marta: amministratore di Dio così è il vescovo

Celebrando la Messa a Casa Santa Marta, Papa Francesco ha ricordato che il servizio e l'umiltà sono le caratteristiche principali di un vescovo

Benedetta Capelli - Città del Vaticano

Tratteggiare nei dettagli la figura del vescovo, definire i criteri per mettere ordine nella Chiesa. Papa Francesco prende spunto dalla Lettera di san Paolo apostolo a Tito per ricordare che un vescovo non è un principe, né deve essere arrogante, collerico, dedito ai vizi, non affarista perché, uno solo di questi difetti, sarebbe una calamità per la Chiesa. Mite e umile: così è l’uomo che serve Dio.  

 

Mai la Chiesa è nata tutta ordinata, tutto a posto, senza problemi, senza confusione, mai. Sempre è nata così. E questa confusione, questo disordine, va sistemato… La definizione che dà del vescovo è un “amministratore di Dio”, non dei beni, del potere, delle cordate, no: di Dio. Sempre deve correggere se stesso e domandarsi: “Io sono amministratore di Dio o sono un affarista?”. Il vescovo è amministratore di Dio. Deve essere irreprensibile: questa parola è la stessa che Dio ha chiesto ad Abramo: “Cammina nella mia presenza e sii irreprensibile”. È parola fondante, di un capo.

 

12 novembre 2018, 11:52