Versione Beta

Cerca

Vatican News

Papa: rivalità e chiacchiericcio distruggono le comunità

Alla Messa a Santa Marta, il Pontefice commenta il Vangelo di Luca e ricorda che le rivalità, l’agire per un proprio interesse personale e la vanagloria distruggono le comunità

Barbara Castelli – Città del Vaticano

 

Le tante guerre che deturpano il mondo trovano origine nella rivalità e nella vanagloria. Così Papa Francesco a Santa Marta, condannando “l’egoismo dell’interesse” e ribadendo che la “gratuità” predicata da Gesù “non è selettiva”. Ragionare solo in base al proprio “tornaconto”, infatti, è “una forma di egoismo, di segregazione”, mentre il messaggio del Figlio di Dio è esattamente il contrario: la “gratuità”, che “allarga la vita”, “allunga l’orizzonte, perché è universale”. “Ci sono due cose che vanno contro l’unità”, insiste il Pontefice nell’omelia, “la rivalità”, che alimenta anche il “chiacchiericcio”, e “la vanagloria”.

La rivalità è una lotta per schiacciare l’altro. E’ brutta, la rivalità: si può fare in modo aperto, diretto o si può fare con i guanti bianchi; ma sempre per distruggere l’altro e innalzare se stessi. E siccome io non posso essere così virtuoso, così buono, diminuisco l’altro, così io rimango sempre alto. La rivalità è una via a questo agire per interesse.

05 novembre 2018, 12:42