Versione Beta

Cerca

Vatican News

Papa Francesco: la preghiera è un lavoro

La preghiera al centro dell’omelia di stamattina a Casa Santa Marta. Il Papa commenta il brano del Vangelo di oggi che, dice, ci insegna come dobbiamo pregare

Adriana Masotti - Città del Vaticano

Nel Vangelo Gesù racconta di un uomo che a mezzanotte bussa alla casa di un amico per chiedergli qualcosa da mangiare. L’amico gli risponde con un rifiuto ma poi, a causa della sua insistenza, gli dà quello che gli occorre. E Francesco nell'omelia della Messa mattutina, dice: bisogna pregare con coraggio, senza stancarsi. La preghiera però non è una bacchetta magica”, non si tratta di dire due “Padre Nostro” e poi andarsene:

La preghiera è un lavoro: un lavoro che ci chiede volontà, ci chiede costanza, ci chiede di essere determinati, senza vergogna. Perché? Perché io sto bussando alla porta del mio amico. Dio è amico, e con un amico io posso fare questo. Una preghiera costante, invadente. Pensiamo a Santa Monica per esempio, quanti anni ha pregato così, anche con le lacrime, per la conversione del suo figlio. Il Signore alla fine ha aperto la porta.

Il Signore, conclude, è un amico: dà sempre il bene. Dà di più. Impariamo da questo passo del Vangelo come pregare.
 

 

11 ottobre 2018, 12:38