Versione Beta

Cerca

Vatican News

Papa Francesco pranza con i poveri della Missione di fratel Biagio

Dopo la messa al Foro Italico di Palermo, Francesco si è spostato nei locali della “Missione Speranza e Carità” fondata da fratel Biagio Conte

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

Il coro “Francesco, Francesco” dei bambini, una canzone scritta da una suora dal titolo “Mare, mare” e il lancio di palloncini bianchi hanno accolto il Papa nella “Missione Speranza e Carità” di via Decollati a Palermo per il pranzo insieme a 160 poveri, migranti, ex detenuti, volontari. Fuori dalla mensa ma sempre all'interno della missione ci sono altre 1.300 persone che pranzano in contemporanea con Francesco. 

 

Tutti sulla stessa barca

Accompagnato dall’arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice, il Papa è stato salutato esternamente da una cinquantina di persone. All’interno ad accogliere Francesco c’è una barca realizzata con materiale riciclato che rappresenta una barca, l’opera è stata realizzata da un falegname tunisino sordomuto. La comunità femminile della missione, composta da persone di varie nazionalità, ha realizzato delle statuine che raffigurano persone di tutto il mondo. Tutte la statuine sono state messe sulla imbarcazione per lanciare il messaggio: “Siamo tutti sulla stessa barca per costruire insieme un mondo migliore”.

Il menù per il Papa

Olive condite, formaggio, pane, insalata di riso, cous cous, pollo panato e insalata e dolci preparati dalle suore di vari Paesi della missione femminile. E’ il menù proposto al Papa, preparato con prodotti coltivati nelle missioni di Tagliavia, Scopello, e Villa Florio. A servirlo sono i volontari e gli uomini e le donne accolti nella missione di fratel Biagio.

15 settembre 2018, 14:19