Cerca

Vatican News
Sagrato Basilica san Nicola (Bari) Sagrato Basilica san Nicola (Bari) 

Papa a Bari, arciv. Cacucci: viaggio all'insegna dell’ecumenismo e della pace

A meno di un mese dalla visita di Papa Francesco a Bari, l'arcivescovo Francesco Cacucci rimarca che l'incontro con i Patriarchi cattolici e ortodossi sarà anche occasione per sostenere i cristiani perseguitati in tutto il Medio Oriente

Federico Piana - Città del Vaticano 

Pace in Medio Oriente e sviluppo del cammino ecumenico. Sono le cifre del prossimo viaggio di Papa Francesco a Bari, che si svolgerà il prossimo 7 luglio e i cui dettagli sono stati resi noti ieri. Il Pontefice incontrerà i Patriarchi cattolici e ortodossi con i quali pregherà davanti alla reliquia del patrono san Nicola,  fonte di dialogo, di contatto, tra Oriente e Occidente, molto venerato anche nel mondo ortodosso. Mons. Francesco Cacucci, arcivescovo metropolita di Bari-Bitonto, seguirà molto da vicino Papa Francesco in quella che lui stesso definisce un’altra tappa storica del dialogo, dopo l’abbraccio, a L’Avana nel 2016, tra Papa Bergoglio e il Patriarca di Mosca, Kirill. “Al centro di questo viaggio - assicura con forza - ci saranno anche i cristiani perseguitati in tutto il Medio Oriente. Non verranno dimenticati. Saranno oggetto delle preghiere e dei colloqui con il Papa”. (Ascolta l'intervista all'arcivescovo Francesco Cacucci sulla visita di Papa Francesco a Bari).

Bari ponte ideale verso l’unità

La dimensione ecumenica a Bari troverà la sua collocazione ideale. “Perché – spiega l'arcivescovo Cacucci – Bari è naturalmente ponte d’unione tra il mondo cattolico e quello ortodosso. Lo è da sempre. Nel 2016, proprio durante la festa di san Nicola, abbiamo avuto la visita del Patriarca Bartolomeo. E lo scorso anno alcune reliquie di san Nicola sono state traslate a Mosca e San Pietroburgo tra l’entusiasmo popolare. Un evento eccezionale avvenuto per la prima volta dopo 930 anni. Passi di ecumenismo concreti dal basso, di popolo. Come vuole lo stesso Papa Francesco”.

 

L’accensione della lampada voluta da san Giovanni Paolo II

Oltre la venerazione delle reliquie di san Nicola, momento sublime del viaggio sarà anche l’accensione della lampada ‘uniflamma’, a fiamma unica, che simboleggia l’unità. L'arcivescovo Cacucci torna indietro con la memoria a san Giovanni Paolo II: “Quella lampada fu voluta da Papa Wojtyla nel 1984 proprio nel suo viaggio a Bari con Chrysostomos, metropolita di Mira, città di san Nicola. A Bari, Papa Francesco rivivrà quegli avvenimenti con Bartolomeo I, alla presenza dei patriarchi del Medio Oriente e dei capi religiosi anglicani e a una rappresentante del Consiglio ecumenico delle Chiese. Sarà una ulteriore occasione per dare forma concreta e sostanziale all’unità”.
 

08 giugno 2018, 12:34