Cerca

Vatican News
Papa Francesco, Angelus Papa Francesco, Angelus  (Vatican Media)

Papa all'Angelus: festa SS.Trinità per celebrare Dio-Amore

"La festa della Santissima Trinità ci fa contemplare il mistero di un Dio che incessantemente crea, redime e santifica, sempre con amore e per amore, e ad ogni creatura che lo accoglie dona di riflettere un raggio della sua bellezza, bontà e verità"

Emanuela Campanile - Città del Vaticano

"Una festa per contemplare e lodare il mistero del Dio di Gesù Cristo, che è Uno nella comunione di tre Persone: il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Per celebrare con stupore sempre nuovo Dio-Amore, che ci offre gratuitamente la sua vita e ci chiede di diffonderla nel mondo". Così Papa Francesco all'Angelus di questa domenica dopo Pentecoste, giornata in cui le letture bibliche "ci fanno capire", ha spiegato il Pontefice, l'amore di Dio per noi e cosa Lui vuole rivelarci:

Come un bambino

Facendo riferimento a San Paolo, Papa Francesco prosegue sottolineando la tenerezza e l'amore che Dio ha per ognuno di noi:

San Paolo, che in prima persona ha sperimentato questa trasformazione operata da Dio-Amore, ci comunica il suo desiderio di essere chiamato Padre, anzi “Papà” - Dio è "Papà nostro"-, con la totale confidenza di un bimbo che si abbandona nelle braccia di chi gli ha dato la vita. Lo Spirito Santo – ricorda ancora l’Apostolo – agendo in noi fa sì che Gesù Cristo non si riduca a un personaggio del passato, ma che lo sentiamo vicino, nostro contemporaneo, e sperimentiamo la gioia di essere figli amati da Dio.

Lo Spirito Santo

Seguendo ancora le parole dell'Apostolo delle Genti, Francesco si sofferma sulla presenza e l'azione dello Spirito Santo:

Lo Spirito Santo – ricorda ancora l’Apostolo – agendo in noi fa sì che Gesù Cristo non si riduca a un personaggio del passato, ma che lo sentiamo vicino, nostro contemporaneo, e sperimentiamo la gioia di essere figli amati da Dio.

Il compito di ogni battezzato

Il Papa conclude ricordando ad ognuno di noi la missione del cristiano e il senso della festa odierna: 

Proprio grazie a questa sua presenza e alla forza del suo Spirito possiamo realizzare con serenità la missione che Egli ci affida. Qual è la missione? Annunciare e testimoniare a tutti il suo Vangelo e così dilatare la comunione con Lui e la gioia che ne deriva. Dio, camminando con noi, ci riempie di gioia e la gioia è un po’ il primo linguaggio del cristiano. Dunque, la festa della Santissima Trinità ci fa contemplare il mistero di un Dio che incessantemente crea, redime e santifica, sempre con amore e per amore, e ad ogni creatura che lo accoglie dona di riflettere un raggio della sua bellezza, bontà e verità. 

Ascolta le parole di Papa Francesco sulla vicinanza di Dio
27 maggio 2018, 11:49