Versione Beta

Cerca

VaticanNews
Incidente aereo a Cuba Incidente aereo a Cuba  (ANSA)

Dolore del Papa per l’incidente aereo a Cuba

Papa Francesco assicura preghiere di suffragio “per l’eterno riposo di quanti sono morti” nell’incidente aereo avvenuto ieri a Cuba

Amedeo Lomonaco - Città del Vaticano

Papa Francesco esprime, in un telegramma, il proprio cordoglio per la morte di numerose persone in seguito all’incidente aereo avvenuto ieri a Cuba. Nel telegramma, indirizzato a mons. Dionisio Guillermo García Ibáñez, arcivescovo di Santiago di Cuba e presidente della conferenza episcopale cubana, il Pontefice assicura preghiere di suffragio “per l’eterno riposo di quanti sono morti”. Il Santo Padre esprime inoltre vicinanza ai familiari che “in questa ora di dolore piangono la separazione inaspettata dai loro cari”. Il Signore – si legge nel messaggio a firma del  segretario di Stato cardinale Pietro Parolin – dia ai parenti delle vittime “la serenità spirituale della speranza cristiana”.

Dinamiche dell’incidente da chiarire

Le dinamiche dell’incidente non sono ancora chiare. Il volo, gestito dalla compagnia “Cubana de Aviaciòn”, era diretto ad Holguin, L’aereo precipitato è  un Boeing 737 della Damojh Aerolineas, una low cost messicana con base a Guadalajara. Secondo fonti di stampa, le vittime sono 107. Tre donne, sopravvissute allo schianto, versano in condizioni disperate. Il presidente cubano Miguel Díaz-Canel ha detto che “è stata aperta una commissione d’inchiesta”. “Stiamo cercando di capire – ha aggiunto - quello che è successo”. Nel Paese è stato decretato il lutto nazionale per due giorni.  È il più grave disastro aereo che abbia colpito Cuba dagli anni Ottanta. 

19 maggio 2018, 14:10