Versione Beta

Cerca

Vatican News
Al Regina Coeli Papa Francesco ha sottolineato che dobbiamo avere "un'idea positiva del nostro corpo" Al Regina Coeli Papa Francesco ha sottolineato che dobbiamo avere "un'idea positiva del nostro corpo"  (ANSA)

Papa al Regina Caeli: oltraggio a Dio ferire il corpo del prossimo

Prima della preghiera del Regina Caeli, Papa Francesco ha commentato il Vangelo di questa terza domenica di Pasqua, nel quale san Luca insiste sul realismo della Risurrezione di Cristo, "che non è un fantasma ma un uomo con corpo e anima". Per questo dobbiamo avere “un’idea positiva del nostro corpo”

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

“Ogni offesa o ferita o violenza al corpo del nostro prossimo, è un oltraggio a Dio creatore!”. Lo sottolinea con forza Papa Francesco prima della preghiera del Regina Caeli, recitata dalla finestra del Palazzo apostolico che dà su piazza san Pietro, commentando il Vangelo di questa terza domenica di Pasqua. Nel quale l’evangelista Luca insiste molto sul realismo della Risurrezione di Cristo , che incontra ancora una volta gli apostoli nel Cenacolo e per far capire loro che non è un fantasma ma un uomo con corpo e anima mangia davanti a loro del pesce.

Il Vangelo dice anche una cosa interessante: era tanta la gioia che avevano dentro che questa gioia non potevano crederla: “No, non può essere! Non può essere così! Tanta gioia non è possibile!”

Il peccato non lo fa il corpo, ma la nostra debolezza morale

L’insistenza di Gesù sulla realtà della sua Risurrezione, spiega ancora il Papa, “illumina la prospettiva cristiana sul corpo” che non è un ostacolo o una prigione dell’anima. Gesù, che è risorto in corpo e anima, “ci fa capire che dobbiamo avere un’idea positiva del nostro corpo”. Che, ricorda Francesco “può diventare occasione o strumento di peccato”: un peccato però non provocato dal corpo, ma “dalla nostra debolezza morale”. Il corpo infatti “ è un dono stupendo di Dio, destinato, in unione con l’anima, ad esprimere in pienezza l’immagine e la somiglianza di Lui”.

"Rispetto per il nostro corpo e quello degli altri"

Nella carne dei maltrattati c'è il corpo di Cristo

Siamo chiamati ad avere grande rispetto e cura del nostro corpo e di quello degli altri. Ogni offesa o ferita o violenza al corpo del nostro prossimo, è un oltraggio a Dio creatore! Il mio pensiero va, in particolare, ai bambini, alle donne, agli anziani maltrattati nel corpo. Nella carne di queste persone noi troviamo il corpo di Cristo. Cristo ferito, deriso, calunniato, umiliato, flagellato, crocifisso,… Gesù ci ha insegnato l’amore. Un amore che, nella sua Risurrezione, si è dimostrato più potente del peccato e della morte, e vuole riscattare tutti coloro che sperimentano nel proprio corpo le schiavitù dei nostri tempi.

In un mondo prepotente con i deboli, portare la novità del Risorto

In un mondo dove troppe volte prevalgono la prepotenza contro i più deboli e il materialismo che soffoca lo spirito – conclude Papa Francesco – “il Vangelo di oggi ci chiama ad essere persone capaci di guardare in profondità, piene di stupore e di gioia grande per avere incontrato il Signore risorto”. Ci chiama ad essere persone “che sanno raccogliere e valorizzare la novità di vita che Egli semina nella storia, per orientarla verso i cieli nuovi e la terra nuova”.

Ascolta e scarica il servizio con la voce del Papa
15 aprile 2018, 13:27