Versione Beta

Cerca

Vatican News

Padre Pio: dal confessionale all’Eucaristia, una storia d’amore

"Tutto quello che ha sofferto Gesù nella sua passione – ha detto Padre Pio – indegnamente, lo soffro anch’io, per quanto è possibile a creatura umana”.

“Un povero frate che prega”

Nasce in una famiglia di contadini e fin da bambino è animato dal desiderio di “farsi frate”. A 16 anni entra nel noviziato dell'Ordine dei Frati Minori Cappuccini a Morcone e sceglie di chiamarsi Fra Pio. Nel 1910 riceve l’ordinazione sacerdotale. Sei anni dopo, entra nel convento di Santa Maria delle Grazie a San Giovanni Rotondo. Dedica molte ore della giornata al sacramento della Confessione. Il vertice del suo impegno apostolico è la celebrazione della Santa Messa. Si definisce “un povero frate che prega”. “La preghiera – afferma – è la migliore arma che abbiamo, una chiave per aprire il cuore di Dio”.

Un incontro straordinario

Nel 1948 confessa un giovane sacerdote polacco, don Karol Wojtyła, che 30 anni dopo salirà al soglio di Pietro con il nome di Giovanni Paolo IINell’umile frate – sottolinea il Pontefice nel 1999 durante il rito di beatificazione di Padre Pio – si scorge l’immagine di Cristo sofferente e risorto: “Il suo corpo, segnato dalle ‘stimmate’ mostrava l'intima connessione tra morte e risurrezione”. “Non meno dolorose, e umanamente forse ancor più cocenti – ricorda il Papa nell’omelia – furono le prove che dovette sopportare in conseguenza, si direbbe, dei suoi singolari carismi”. Per Padre Pio “soffrire con Gesù” è un dono: “nel contemplare la croce sulle spalle di Gesù mi sento sempre più fortificato ed esulto di una santa gioia”. “Tutto quello che ha sofferto Gesù nella sua passione – rivela – indegnamente, lo soffro anch’io, per quanto è possibile a creatura umana”.

 “Sollievo della Sofferenza”

La vita di padre Pio è anche il riflesso di un incessante impegno teso ad alleviare dolori e miserie di tante famiglie. Nel 1956 viene inaugurata la “casa Sollievo della Sofferenza”, un polo ospedaliero d’avanguardia. E’ la “pupilla dei miei occhi”, afferma il frate che in occasione del discorso di inaugurazione aggiunge: “Questa è la creatura che la Provvidenza, aiutata da voi, ha creato; ve la presento. Ammiratela e benedite insieme a me il Signore Iddio. È stato deposto nella terra un seme che Egli riscalderà coi suoi raggi d’amore”.

La morte

Padre Pio muore nella notte del 23 settembre del 1968, all’età di 81 anni. Il 16 giugno del 2002 è proclamato santo da Papa Giovanni Paolo II: “la vita e la missione di Padre Pio – afferma il Pontefice nell’omelia – testimoniano che difficoltà e dolori, se accettati per amore, si trasformano in un cammino privilegiato di santità, che apre verso prospettive di un bene più grande, noto soltanto al Signore”.

15 marzo 2018, 10:37