Versione Beta

Cerca

Vatican News

Mons. Ojea: “Papa in Argentina? Non è ancora il momento”

Intervista al presidente della Conferenza episcopale argentina, monsignor Oscar Vicente Ojea, dopo l’incontro di Papa Francesco con la commissione esecutiva della CEA. “La nostra preoccupazione – ci ha detto - è quella di trovare le strade per incarnare il magistero del Papa, che è un modo di vivere il Vangelo nella realtà di oggi”

Patricia Ynestroza – Città del Vaticano

D - Monsignor Oscar Vicente Ojea, quali consigli e indicazioni il Papa ha offerto alla vostra commissione?

R - E’ stato il culmine di una serie di visite fatte in tutti i dicasteri… con il Papa abbiamo parlato dei prossimi sinodi sull’Amazzonia e sui giovani. E’ stato un incontro fecondo, abbiamo parlato della necessità di unità nell’episcopato attorno al magistero del Papa, come l’esortazione Amoris Laetitia. Papa Francesco ci ha chiesto di essere coraggiosi nel modo di vivere il Vangelo e illuminare la situazione concreta del Paese.

D - Come presidente della Conferenza episcopale quale programma ha per guidare i diversi settori della pastorale nella Chiesa argentina?

R - Dare a tutti le motivazioni per seguire il magistero del Papa, soprattutto quello sociale, che è molto chiaro e molto innovativo. La nostra preoccupazione è quella di trovare le strade per incarnare il magistero del Papa, che è un modo di vivere il Vangelo nella realtà di oggi.

D - Quando pensa che il Papa visiterà l’Argentina?

R - Noi abbiamo ribadito il desiderio del popolo argentino che il Santo Padre venga. Ci ha detto che questo non è il momento opportuno. Rispettiamo questa decisione, e aspettiamo che venga il momento giusto per il Paese.

03 febbraio 2018, 17:17