Versione Beta

Cerca

VaticanNews
Cile, Centro di detenzione femminile di Santiago Cile, Centro di detenzione femminile di Santiago 

Le tappe del prossimo viaggio apostolico di Francesco in Cile

Giorni intensi quelli che attendono il Papa in Cile dove oltre alla comunità ecclesiale nei suoi diversi componenti, visiterà un carcere femminile e si incontrerà con la realtà degli indigeni e con il fenomeno dell'immigrazione.

Luca Collodi - Città del Vaticano

Papa Francesco sarà in Cile dal 15 al 18 gennaio per poi trasferirsi in Perù. Nelle giornate cilene il programma della sua visita prevede l'incontro con le autorità del Paese, la Messa a Santiago del Cile per tutti i fedeli, l'appuntamento con i sacerdoti e i religiosi e poi con i vescovi , ma anche la visita alle detenute del carcere della capitale per le quali la Chiesa locale è impegnata con l'offerta di lavoro e formazione per il loro futuro reinserimento nella società. E poi ancora Francesco vedrà i sacerdoti della Compagnia di Gesù e i giovani.

Dopo Santiago del Cile, Temuco e Iquique

Ma il Papa si sposterà anche nella città di Temuco in cui si confronterà con la realtà indigena e al nord a Iquique, una città dove sono presenti diverse nazionalità a causa di una forte immigrazione. Ad occuparsi, per conto del governo, dell'organizzazione delle diverse tappe del viaggio apostolico del Papa in Cile è il professor Benito Baranda che al nostro microfono parla del Cile di oggi, della politica del governo nei confronti dell'immigrazione e della questione degli indigeni. 

Ascolta l'intervista al prof. Benito Baranda
10 gennaio 2018, 13:37