Versione Beta

Cerca

Vatican News
Soccoritori all'opera dopo il rogo in Corea del Sud, nell’Ospedale di Sejong Miryang Soccoritori all'opera dopo il rogo in Corea del Sud, nell’Ospedale di Sejong Miryang  (AFP or licensors)

Cordoglio del Papa per le vittime dell'incendio nell'ospedale in Corea del Sud

Dal Papa anche l’incoraggiamento alle autorità civili e ai soccorritori. In base all'ultimo bilancio, i morti sono almeno 37. Ancora da individuare la causa dell'incendio.

Papa Francesco, in un messaggio di cordoglio a firma del cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, si dice “profondamente rattristato” per le perdita di vite umane in seguito all’incendio avvenuto la scorsa notte in Corea del Sud, nell’Ospedale di Sejong Miryang, costato la vita ad almeno 37 persone. Il Pontefice assicura preghiere per le vittime e per i feriti. Ed esprime, inoltre, la propria solidarietà a tutte le persone colpite da questa tragedia. Dal Santo Padre, anche l’incoraggiamento alle autorità civili e ai soccorritori che assistono le vittime.

Secondo fonti di stampa locali, la maggior parte delle vittime dell'incendio nell'ospedale Sejong di Miryang, sarebbero decedute a causa dei gas tossici sprigionati dalle fiamme. Subito dopo il rogo, il presidente sudcoreano Moon Jae-in, ha chiesto l’immediata apertura di indagini per individuare la causa dell’incendio e prevenire che tragedie simili possano ripetersi in futuro.

26 gennaio 2018, 18:48