Versione Beta

Cerca

Vatican News
Joseph Roger O Donnell - Nagasaki Joseph Roger O Donnell - Nagasaki 

Il Papa: in una foto scattata a Nagasaki nel 1945 “…il frutto della guerra”

La foto è stata scattata nel 1945 a Nagasaki: un bambino con in spalla il fratellino, morto nel bombardamento atomico, attende il suo turno per far cremare il corpicino senza vita.

Amedeo Lomonaco - Città del Vaticano

Una foto scattata nel 1945, dopo oltre 70 anni, interpella e scuote ancora le coscienze. Ritrae un bambino di 10 anni che trasporta sulle spalle il cadavere del fratellino rimasto ucciso dopo lo scoppio della bomba atomica a Nagasaki. L’immagine - rende noto l’Osservatore Romano - ha fortemente scosso Papa Francesco che ha voluto farla riprodurre su un cartoncino. La fotografia è accompagnata dal commento “…il frutto della guerra”, seguito dalla sua firma autografa.

 

Foto simbolo della tragicità della guerra

L’istantanea è stata scattata dal fotografo statunitense Joseph Roger O’Donnell, inviato  dopo le esplosioni nucleari nelle due città giapponesi, Hiroshima e Nagasaki, devastate dalla bomba atomica. A Nagasaki vede due bambini. Uno sembra dormire sulle spalle dell’altro. In realtà è morto. Suo fratello, con un volto da cui traspare una dignitosa sofferenza, sta aspettando che venga cremato. La foto è divenuta un tragico simbolo della ferocia della guerra.

 

Quel bambino aveva qualcosa di diverso

Lo scatto sconvolse il fotografo che nel 1995 ha ricordato, durante un’intervista ad una emittente giapponese, quella tragica scena: “Vidi questo bambino che camminava, avrà avuto all’incirca 10 anni. Notai che trasportava un bimbo sulle spalle. In quei giorni, era una scena abbastanza comune da vedere in Giappone, spesso incrociavamo bambini che giocavano con i loro fratellini e sorelline portandoli sulle spalle. Ma quel bambino aveva qualcosa di diverso“.

30 dicembre 2017, 17:45