Cerca

Vatican News
Afghanistan Afghanistan  (ANSA)

Biden: l'evacuazione è stata un successo, ora altre sfide. Ma l'emergenza umanitaria resta

Dopo il ritiro degli Stati Uniti, restano nel Paese i timori per la popolazione. L’Unicef lancia un allarme per i bisogni umanitari di 10 milioni di bambini. Il portavoce Iacomini: “300mila minori sfollati, alcuni non accompagnati, hanno bisogno urgente di protezione”

Elvira Ragosta e Gabriella Ceraso -  Città del Vaticano

Mentre l’ultimo militare americano lascia Kabul e emblematicamente nel Paese rientra l'ex capo della sicurezza di Bin Laden, i talebani festeggiano quella che definiscono una vittoria, con raffiche di mitra e fuochi d'artificio.  Con le bandiere sfilano per le strade, entrano negli hangar e impugnano le armi lasciate dagli statunitensi. Ma resta incerto il futuro del Paese con Turchia e Qatar che già si fanno avanti a negoziare sull’aeroporto di Kabul. Altri i toni dalla Casa Bianca negli stessi minuti di ieri. 240mila morti, tra militari e civili, e 2.300 miliardi di dollari: "Basta con questa guerra", "mi prendo le responsabilità di ogni decisione", l’evacuazione è stata un "successo". Così il presidente Biden parlando alla nazione di una missione "di compassione" per salvare le vite americane. Per chi resta la protezione continua e resta anche la lotta al terrorismo, ma lo sguardo è già sulle nuove sfide del secolo con la competizione di Cina e Russia.

In Europa invece la preoccupazione maggiore sono i profughi: nessun accordo preciso o quote o decisioni su corridoi umanitari ma una linea prevalente c’è al Consiglio straordinario Ue dei ministri dell’Interno di ieri, ed è aiutare gli afghani nella loro terra e nelle regioni limitrofe. Sullo sfondo l’avvertimento dell’Onu: in Afghanistan si profila una emergenza umanitaria. Anche di questo parleranno giovedì a Marsiglia il premier italiano Draghi e il presidente francese Macron.

Bruxelles, si eviti un nuovo 2015

Ricordiamo che già il Consiglio di sicurezza dell’Onu nei giorni scorsi ha approvato, con l’astensione di Russia e Cina, una risoluzione per chiedere la protezione dei civili e dell'aeroporto di Kabul. Manca nel testo la 'zona di sicurezza' chiesta dal presidente francese Macron, ma si riafferma "l'importanza di sostenere i diritti umani, compresi quelli delle donne" e si chiedono maggiori sforzi per fornire assistenza umanitaria, consentire un'uscita "sicura" dal Paese e permettere un accesso senza ostacoli alle Nazioni Unite. L’Onu chiede anche che il Paese non diventi una base per il terrorismo, mentre il Pentagono avverte che in Afghanistan ci sono almeno 2mila combattenti "irriducibili" dell'Is, che ha rivendicato il lancio di sei razzi sullo scalo di Kabul. La Cina, che ancora non ha chiarito se abbia o meno l’intenzione di riconoscere i talebani, parla di fallimento degli americani e ribadisce la richiesta di un governo afghano aperto, inclusivo e ampiamente rappresentativo del Paese, mentre per l’Unione europea dialogare con i talebani non significa riconoscimento. Bruxelles lancia intanto un appello affinché si eviti ciò che accadde nel 2015, anno della crisi dei rifugiati in Europa. 

Unicef: servono aiuti umanitari 10 milioni di bambini

Resta dunque la preoccupazione per quanti non sono riusciti a lasciare il Paese, per i rifugiati e gli sfollati interni. Una crisi più ampia è appena iniziata "in Afghanistan e per i suoi 39 milioni di abitanti”, ha detto ieri Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati. C’è preoccupazione anche per i minori nel Paese. Dall’inizio di quest’anno, oltre 550 bambini sono stati uccisi e più di 1400 sono stati feriti. I meno responsabili di questa crisi, sottolinea l’Unicef in un comunicato, stanno pagando il prezzo più alto, compresi i piccoli, uccisi e feriti in una serie di atrocità a Kabul da giovedì scorso. Per il portavoce di Unicef Italia, Andrea Iacomini, ci sono ancora minori non accompagnati nei pressi dell’aeroporto di Kabul esposti a qualsiasi tipo violenza. “In Afghanistan – spiega – ci sono 300mila bambini, sfollati, senza più una casa. Sono stati portati via dai genitori e purtroppo durante il cammino alcuni di loro sono morti e altri hanno perso il papà o la mamma o entrambi. Questi minori hanno bisogno urgente di protezione”.

Ascolta l'intervista ad Andera Iacomini

I pericoli per i minori in Afghanistan

Le forti preoccupazioni del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia non riguardano solo l’aspetto umanitario, ma anche quello del rispetto dei diritti di bambini e bambine. Sono più di 2mila le violazioni dei diritti nei confronti dei minori registrate nel solo 2021 in un Paese, ricorda l’Unicef, che vede ancora un tasso del 17% di matrimoni precoci per le bambine sotto i 15 anni. “L’Afghanistan - continua Iacomini – non è proprio il miglior luogo dove vivere in questo momento, ma non lo era anche nel passato. Ci sono problemi di polio endemica, di tetano, un grande problema di siccità e due milioni di bambini rischiano di restare senz’acqua nel Nord. Se non si interverrà tempestivamente, un milione di bambini sotto i cinque anni rischierà di morire per malnutrizione”.

Il ruolo delle organizzazioni umanitarie

Il personale dell’Unicef in Afghanistan sta rispondendo ai bisogni dei circa 19 milioni di persone che necessitano di assistenza umanitaria, la cui metà è composta da bambini, attraverso diversi team mobili, distribuendo kit igienico-sanitari, tende e cibo, creando spazi dove i più piccoli possano giocare e mantenere una sorta di quotidianità. Non spegnere la luce su questa crisi è quanto chiede l’Unicef, che ha lanciato un appello alla Comunità internazionale per poter raccogliere 195 milioni di dollari. Guardando al futuro dei bambini afghani, Iacomini sottolinea l’importanza che gli operatori umanitari restino sul terreno: “Il fatto che tante ong abbiano deciso di restare vuol dire che c’è ancora una speranza per il futuro di questi bambini”.

Ultimo aggiornamento 01.09.21 ore 8.24

31 agosto 2021, 13:39