Cerca

Vatican News
Afghanistan, personale di sicurezza davanti alla sede della Missione Onu di Herat Afghanistan, personale di sicurezza davanti alla sede della Missione Onu di Herat  (AFP or licensors)

Afghanistan: avanzano i talebani, stabilità sempre più a rischio

Mentre si completa il ritiro dei soldati internazionali dall’Afghanistan, i talebani cotinuano a guadagnare terreno. Venerdì colpita la sede delle Nazioni Unite a Herat nell'ovest, terreno di scontri da due giorni. Fulvio Scaglione: il Paese rischia di fare passi indietro

Elvira Ragosta – Città del Vaticano

Un attacco con razzi e armi da fuoco negli uffici Onu di Herat ha provocato la morte di un poliziotto afghano e il ferimento di altri ufficiali. E’ quanto denunciato dall’Unama, la missione delle Nazioni Unite nel Paese che ha indicato quali responsabili “elementi antigovernativi”. I talebani, secondo notizie d'agenzia, avrebbero riconosciuto l'attacco negando però di aver preso di mira l'Onu. Condanna per quanto accaduto è stata espressa sia dalle Nazioni Unite che dalla Nato. "Gli autori devono essere identificati per renderne conto", ha dichiarato Deborah Lyons, rappresentante speciale in Afghanistan del Segretario generale dell'Onu. L'attacco è avvenuto mentre per il secondo giorno consecutivo erano in corso intensi combattimenti a sud di Herat fra talebani e forze di sicurezza nazionali.

Il controllo del territorio

La situazione in Afghanistan è pessima, commenta Fulvio Scaglione. L’esperto di politica internazionale evidenzia la crescita costante dell’azione dei talebani a partire dall’accordo per il ritiro delle truppe americane e di tutte quelle straniere: “Due mesi fa - afferma - i talebani avevano il controllo del venti per cento del Paese, mentre ora sono arrivati a metà del territorio. Inoltre, ci sono molte altre zone in cui il governo non ha il controllo effettivo. L’offensiva è vasta, sempre meglio organizzata e la prospettiva è che prima o poi i talebani riprendano il controllo totale”. Per Scaglione il rischio che corre in questo momento l’Afghanistan è di tornare alla fine degli anni Ottanta, a quella guerra civile che provocò distruzioni enormi e spianò la strada al potere totale dei talebani.

Ascolta l'intervista a Fulvio Scaglione

I rischi per l’Afghanistan

Per ipotizzare come un eventuale ritorno al potere dei talebani possa influire sugli equilibri interni e internazionali, secondo l’esperto, bisognerebbe valutare quanto il movimento dei talebani sia cambiato nel corso degli anni. “Il rischio massimo – conclude Scaglione – è che i talebani riprendano la politica del mullah Omar, quindi sostegno al terrorismo, a operazioni di destabilizzazione nei Paesi vicini. In questa prospettiva le cose posso essere veramente difficili”.


Giunti in Usa i primi interpreti afghani

Il timore che il ritiro degli americani potesse esporre a rischio quanti tra gli afghani avevano collaborato come interpreti con le forze della coalizione ha spinto gli Stati Uniti a concedere loro la possibilità di un visto speciale di immigrazione. Un primo gruppo di circa duecento, tra traduttori e interpreti con le proprie famiglie, è già atterrato in Virginia, e ora si attende di ricollocarli. In duemila invece sono ancora in attesa di imbarcarsi, mentre altri quattromila afghani dovrebbero essere ospitati da altri Paesi. Si calcola che siano circa 35mila i cittadini afghani che hanno lavorato per gli Usa negli ultimi vent’anni.

31 luglio 2021, 09:07