Cerca

Vatican News
Siria: campagna presidenziale a Damasco Siria: campagna presidenziale a Damasco 

La Siria al voto: Assad alla ricerca della quarta riconferma

Occhi puntati sulla Siria, oggi al voto per le presidenziali. Due i candidati che contendono la vittoria al presidente in carica Bashar al Assad, al potere dalla morte del padre Hafez nel 2000

Giancarlo La Vella - Città del Vaticano

Stati Uniti e Paesi europei esprimono forti dubbi sulla attendibilità questo voto. Solo due i personaggi che dovrebbero contendere ad Assad l’accesso al quarto settenato presidenziale: il vicecapo di gabinetto, Abdallah Sallum Abdallah, e Mahmoud Ahmed Marei, un avvocato che guida il Fronte Oppositore Democratico, una coalizione di sei partiti formata nel 2018 e tollerata dal regime di Damasco. Il presidente Bashar al Assad, che stamani ha votato in un seggio elettorale di un sobborgo di Damasco, respinge con fermezza le accuse di mancanza di credibilità del voto.

Un voto ancora in guerra

Le presidenziali di tengono mentre la guerra civile che devasta il Paese da dieci anni non si è di fatto ancora conclusa. Rispetto alle precedenti consultazioni, in cui il presidente si era affermato con oltre l’88% dei consensi, oggi Assad è più forte riuscito a riprendere il controllo di gran parte del Paese e a ridimensionare lo Stato Islamico e le altre formazioni ribelli. Ma anche in Siria a condizionare questa fase c’è la pandemia e la profonda crisi economica di un Paese instabile dove sono ancora le armi a parlare.

26 maggio 2021, 12:36