Cerca

Vatican News
Oms: contro il Covid vaccini e sicurezza Oms: contro il Covid vaccini e sicurezza  (ANSA)

Oms: contro la pandemia non solo vaccini

Siamo ad un punto critico della pandemia e non bisogna allentare proprio ora le misure di sicurezza. E’ l’esortazione dell’Organizzazione Mondiale della Santità di fronte alla crescita globale dei contagi da Covid-19. Ribadita la strada dei vaccini come la più efficace per raggiungere l’immunità di popolo, ma senza dimenticare igiene, mascherine e distanziamento sociale

Giancarlo La Vella - Città del Vaticano

La settimana scorsa sono stati registrati nel mondo quasi 4 milioni e mezzo di contagi; nello stesso periodo dello scorso anno si parlava di 'soli' 500 mila casi settimanali. A smorzare facili entusiasmi sull’andamento della pandemia è l’epidemiologa dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Maria Van Kerkhove, ieri durante il consueto aggiornamento dell'organismo sull’andamento dei contagi. Non è la situazione in cui avremmo voluto trovarci 16 mesi dopo l'inizio della diffusione del Covid-19. Per questo – sottolinea la Van Kerkhove – bisogna insistere sulle misure di controllo consolidate e a non allentare le precauzioni adottate.

Accelerare i programmi di vaccinazione

Il vaccino è fondamentale per ridurre la trasmissione del virus – ha aggiunto Kate O’Brien sempre dell’Oms – ma da solo non può bastare per raggiungere l’immunità e ridurre la trasmissione della malattia. Le dichiarazioni giungono proprio mentre la Gran Bretagna, tra i Paesi che ha vaccinato di più, sta mettendo in pratica un piano generale di riaperture per vari settori commerciali. Sulla questione è intervenuto il rpemier britannico, Boris Johnson. Il lockdown è stato estremamente importante per ridurre il numero di contagi e di morti per coronavirus e bisogna mantenere alta la guardia, ma ora è possibile un allentamento delle misure restrittive, con una parziale riapertura di pub e ristoranti in tutto il Regno Unito..

13 aprile 2021, 13:08