Cerca

Vatican News
Professor Giuseppe Dalla Torre Professor Giuseppe Dalla Torre  (@VaticanMedia)

Morto Giuseppe Dalla Torre, insigne giurista e accademico

Presidente del Tribunale dello Stato della Città del Vaticano fino allo scorso anno, si è spento il 3 dicembre a Roma all'età di 77 anni. Recentemente aveva raccontato la storia della sua famiglia da tre generazioni a servizio dei Papi. Le esequie si terranno sabato 5 dicembre alle ore 10.00 all'Altare della Cattedra nella Basilica di San Pietro

Gabriella Ceraso - Città del Vaticano 

Una seduta speciale del Senato Accademico dell’Università Lumsa ricorderà il 4 dicembre il rettore che li ha guidati dal 1991 al 2014, il secondo a capo dell’Ateneo. Perché il professor Giuseppe Dalla Torre Del Tempio di Sanguinetto, giurista e docente, ha trascorso la sua vita oltre che nelle aule di Tribunali per tre generazioni – nonno, padre e nipote – a servizio dei Papi, anche tra i giovani studenti. Il Covid lo ha portato alla morte giovedì mattina all'età di 77 anni. Lascia la moglie e una figlia. La notizia è stata data con un comunicato proprio dall'Ateneo romano.

La vita e la carriera professionale

Nato a Roma nel 1943 da una famiglia di antiche origini trevigiane trasferitasi nella capitale, si è laureato in Giurisprudenza nel 1967 alla Sapienza Università di Roma e, nel 1968, in Diritto canonico alla Pontificia Università Lateranense. Ha svolto i primi incarichi di docenza nelle Università di Modena e di Bologna, come professore ordinario di Diritto Ecclesiastico e Canonico e docente di Costituzionale. Trasferitosi nel 1991 a Roma è stato nominato rettore della Lumsa, incarico che ha ricoperto fino al 2014 curando tutti gli aspetti, formativi, scientifici e di crescita della comunità accademica, di cui aveva mantenuto la guida della Scuola di Alta Formazione in Diritto Canonico, Ecclesiastico e Vaticano. Studenti e colleghi ne ricordano oggi l’affabilità, la grande professionalità e l’infaticabile impegno nel promuovere, d’intesa con i vertici dell’Ateneo, l’apertura di nuove sedi a Palermo e Taranto e la riforma della struttura accademica negli attuali Dipartimenti. “Una navigazione affascinante ed entusiasmante, in mari non sempre tranquilli, ma che ha portato l’Ateneo ad essere conosciuto e stimato”, aveva scritto il rettore congedandosi dal suo incarico.

L'impegno nel campo del diritto e della bioetica

Dal 1997 al 2019 è stato presidente del Tribunale dello Stato della Città del Vaticano e, nel corso degli anni, consultore di diversi dicasteri pontifici e ha partecipato ai lavori della Commissione paritetica per la revisione del Concordato fra Stato e Santa Sede (1976-1983) come segretario della delegazione governativa italiana. Insignito inoltre nel corso della sua lunga carriera di numerose onorificenze: Cavaliere di Collare e Luogotenente Generale dell'Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme; Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana; Grande Ufficiale dell’Ordine di S. Gregorio Magno; Grande Ufficiale dell’Ordine al merito melitense. Dalla Torre è stato anche Presidente Nazionale dell’Unione Giuristi Cattolici Italiani, è stato membro del Consiglio Universitario Nazionale dal 1997 al 2006 e del Comitato Nazionale per la Bioetica. In ambito accademico è stato vicepresidente del Coordinamento Regionale delle Università del Lazio e vice presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane. 

Una vita a servizio della Santa Sede

Come raccontato nel suo ultimo libro, “Papi di famiglia” la vita e il nucleo familiare del professor Dalla Torre sono stati segnati profondamente dal rapporto con la Santa Sede e con i Papi e non solo per ragioni professionali. Rapporti stretti e diretti nell'arco del tempo per la famiglia di origine trevigiana a partire da Pio X: nonno e padre legati alla direzione dell’Osservatore Romano e dei Musei Vaticani, e poi il nipote Giuseppe appunto, chiamato da Giovanni Paolo II nel ’94 a dirigere il Tribunale dello Stato vaticano e prima ancora, fra l’altro, impegnato nel processo ad Ali Agca, l’attentatore di Papa Wojtyla. Lo scorso aprile, inoltre, era scomparso suo fratello Fra Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto, i fa, Gran Maestro del Sovrano Ordine di Malta.

“Abbiamo sempre percepito il Papa - scriveva Giuseppe Dalla Torre sel suo libro - non come il vertice di una istituzione, ma come la sua base, il suo fondamento: oggi questo viene confermato da Papa Francesco, il quale ama dire che la Chiesa è ‘come una piramide capovolta’, in cui ‘il vertice si trova al di sotto della base’”.

Il messaggio della Cei:umiltà, umanità e generosità
 

In un messaggio a firma del Segretario generale, monsignor Stefano Russo, la Conferenza episcopale italiana esprime il suo cordoglio alla famiglia del giurista, "marito e padre esemplare" "distintosi per la sua grande umiltà, umanità e generosità". "Attento ai bisogni di tutti - si legge -  ha sempre saputo farsi prossimo di chi gli chiedeva consiglio e aiuto. Uomo dalla coscienza retta, ha formato intere generazioni di giovani per i quali aveva sempre parole di fiducia e speranza nel futuro. Ne danno testimonianza i vari incarichi ricoperti in ambito accademico, sociale e civile dove si è distinto come collaboratore fedele, operoso e instancabile al servizio della Santa Sede e della Chiesa che è in Italia. Per tutto questo, gli siamo grati".
 
I vescovi sottolineano inoltre come nel professore Dalla Torre, abbiano "toccato con mano quella 'pratica della gentilezza' di cui parla Papa Francesco nell’Enciclica Fratelli Tutti: questa pratica 'non è un particolare secondario né un atteggiamento superficiale o borghese. Dal momento che presuppone stima e rispetto, quando si fa cultura in una società trasforma profondamente lo stile di vita, i rapporti sociali, il modo di dibattere e di confrontare le idee'".
 
Ultimo aggiornamento 04.12.2020 ore 08.00
03 dicembre 2020, 13:27